rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024

"Seventh Note Gospel Lab” a Monastier per raccogliere fondi a favore di Around Us

La pandemia ha aggiunto fame alla fame. Un bambino su 5 non sopravvive oltre i 5 anni

Torna la solidarietà del coro “Seventh Note Gospel Lab” di Oderzo attraverso la musica Gospel. Da 15 anni, a titolo gratuito, la formazione opitergina diretta dal Maestro Manuel Ziroldo attraverso la musica aiuta le popolazioni martoriate dalla guerra civile e dalla fame come quelle della Sierra Leone dove operano i padri Giuseppini del Murialdo, i vicentini Padre Mario Zarantonello e Padre Gianni Zanni e il trevigiano, di Badoere, Padre Maurizio Boa. «In Sierra Leone la pandemia ha colpito non tanto attraverso il virus ma con le conseguenze legate al periodo – racconta Padre Mario da poco tornato dal paese africano assieme a Padre Gianni. - Le materie prime non sono più arrivate e le persone non mangiano più perché il cibo è diventato molto costoso. I prezzi sono saliti alle stelle».

«Uno stipendio medio in Sierra Leone è di circa 50 euro al mese e con quei soldi riescono ad acquistare solo un sacco di riso che costa 20 euro e una lattina di olio che ne costa 25 – continua Padre Gianni-  Non rimane niente altro alle famiglie. Non riescono a mandare i bambini a scuola perché, anche se l’istruzione è gratuita, non hanno i soldi per le scarpe, per i quaderni e tanto meno riescono a curarsi. Un bambino su 5 al di sotto dei 5 anni non riesce a sopravvivere così come i giovani. Sono moltissimi quelli dai 10 ai 25 anni che, non avendo il denaro per andare dal medico e per le medicine, muoiono per malattie come la malaria.  Anche il latte per i neonati rimasti orfani durante il parto ha un costo proibitivo soprattutto ora che è aumentato del 300%. In Sierra Leone la sanità è a pagamento quindi risultano essenziali le missioni mediche di Around Us Onlus l’associazione di Monastier presieduta dal Dottor Massimo Dal Bianco con la vice presidente Emanuela Calvani. Quattro volte all’anno partono dal Veneto, con medici volontari, e vanno ad operare donne, uomini e bambini che anche per una appendicite potrebbero morire.  La prossima missione parte venerdì 17 febbraio».

«Arrivano in Sierra Leone e in 15 giorni eseguono anche 40-50 interventi chirurgici - ribadisce Padre Gianni- I medici trevigiani vengono gratuitamente ma le sale chirurgiche degli ospedali in Sierra Leone devono essere pagate, per questo ringraziamo Around Us che anche con questa iniziativa si prodiga per darci quel sostegno economico per continuare a far sopravvivere la Sierra Leone».

Domenica 12 febbraio i “Seventh Note Gospel Lab” si sono esibiti nel duomo di Monastier in un concerto gospel il cui ricavato è andato ad Around Us e consegnato direttamente nelle mani di Padre Mario e Padre Gianni di rientro in Sierra Leone. E’ stato un pomeriggio ricco di emozioni scaturite   dal racconto dei Padri Giuseppini sulle condizioni di vita delle popolazioni povere della Sierra Leone e dalle voci del coro.

«La musica unisce ma è soprattutto un veicolo di traino per aiutare chi in questo momento ha più bisogno di noi - ha detto il portavoce del coro il maestro Manuel Ziroldo - E mai come in questo momento c'è la necessità di ripartire tornando nei teatri, nelle chiese, nei vari centri culturali per creare cultura, sensibilità e solidarietà».

Il Seventh Note Gospel Lab” è una formazione gospel che è nata nel 2005. Una quindicina di elementi che arrivano tutti da una preparazione musicale elevata. “Proponiamo un genere che va dai tradizionali della musica gospel ai christian contemporary a brani della tradizione natalizia piuttosto che gli spirituals. Abbiamo terminato una stagione invernale che fortunatamente è stata ricca di concerti natalizi in tutte le province del Veneto e del Friuli e adesso iniziamo con una stagione che, nell’ambito di un progetto pop avviato ormai da qualche anno, ci porterà nei campeggi e nelle piazze” conclude il direttore del Coro.

Si parla di

Video popolari

"Seventh Note Gospel Lab” a Monastier per raccogliere fondi a favore di Around Us

TrevisoToday è in caricamento