Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cristicchi con Marco Paolini sul Monte Tomba per "Vacanze dell’anima"

Il narratore si prepara a portare in scena con Marco Paolini l’orazione alla pace Senza Vincitori né Vinti sul Monte Tomba: una grande emozione, Marco è per me un maestro, ho cominciato a raccontare storie dopo aver visto il suo Vajont

 

«Ho cominciato a raccontare storie dopo aver visto il Vajont di Marco Paolini e non ho mai smesso: considero il teatro civile come l’unico luogo in cui la comunità si può ritrovare». Così Simone Cristicchi descrive il suo legame con il grande narratore bellunese: per la prima volta insieme, sabato 28 e domenica 29 luglio saranno fra i protagonisti di Senza Vincitori né Vinti, un “rito collettivo” che porta sul Monte Tomba, teatro degli scontri della Prima guerra mondiale, un testo scritto a quattro mani da Francesco Niccolini e Mario Rigoni Stern per ribadire l’inutilità di ogni conflitto. Un doppio appuntamento che rappresenta l’evento simbolo del Festival Vacanze dell’Anima. «Quando ho ricevuto la chiamata da parte del “maestro” Marco Paolini, ho provato una grande emozione, ho sentito che un cerchio si stava chiudendo».

Negli ultimi anni Cristicchi e Paolini hanno affrontato entrambi, con linguaggi diversi, il grande tema dell’inutilità della guerra: se Paolini con il suo Il Sergente ha raccontato il conflitto senza retorica, come storia di uomini, alla maniera di Rigoni Stern, Cristicchi con Mio nonno è morto in guerra ha portato in scena 14 vite “travolte o spezzate” dalla Seconda guerra mondiale e con Magazzino 18 ha ripercorso le vicende degli esuli istriani. «Sabato e domenica – continua Cristicchi - vivremo un rito collettivo, ci ritroveremo intorno a un pezzo di memoria, con la musica e le parole. Invito tutti a partecipare, per fare in modo che il teatro sia un momento da cui ripartire».

Sul Monte Tomba è iniziato l’allestimento. Da giovedì avranno inizio le prove generali, che coinvolgeranno i narratori, i 45 elementi del Coro Valcavasia, i musicisti e il maestro Filippo Faes a dirigere il concerto sulla musica scritta da Alessandro Grego. Molte delle persone sul palco hanno partecipato alla prima edizione del progetto nel 2008, mentre per questa nuova edizione, sono un centinaio i volontari che si sono messi a disposizione per assicurare la buona riuscita dell’evento.

Per la serata di sabato i posti sono esauriti, mentre sono ancora disponibili biglietti per domenica 29, si inizia alle 21.00.

Info e prevendite

I biglietti sono in vendita online

www.vacanzedellanima.it - info@vacanzedellanima.it – Tel. 338 8037443

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento