Musica, stand ed eventi lungo il Sile: a luglio torna il Restival di Casale

Musica, stand enogastronomici, mercatino. Ma anche cabaret, acrobati e area bimbi. Questo il festival della Restera di Casale sul Sile giunto alla sua terza edizione

CASALE SUL SILE La formula consolidata verrà ulteriormente ampliata: cinque serate di intrattenimento in un’area che quest’anno raggiungerà la quota di 6.000 metri quadrati. Due i palchi dove si esibiranno artisti dall’Italia e dal mondo: il “River stage” sul porticciolo e il “Tower stage” vicino alla Torre dei Carraresi. Quest’anno l’area food raddoppia ne “Le piazze del gusto” con 12 chioschi gestiti dai bar e ristoratori del territorio con un’offerta che va dallo street food alla cucina etnica, dalla cucina tradizionale a quella vegetariana fino al gelato. “Via Mercato e Mestieri” è invece il percorso tra i 60 stand di negozianti e artigiani, un vero e proprio mercatino ricco di specialità e curiosità. E anche quest’anno il festival della Restera pensa anche ai più piccoli, con l’area “Kid Play Arena” che oltre ai classici gonfiabili, sarà teatro di laboratori dove imparare e sperimentare in totale sicurezza.  Insomma, gli elementi che lasciano intuire la voglia di sperimentare e crescere ci sono tutti. E proprio la capacità di fare rete sul territorio, coinvolgendo esercenti e negozianti di Casale sul Sile con l’operazione #noicisiamo, è la caratteristica che rende questa un’iniziativa unica nel suo genere.

Quest’anno gli organizzatori hanno previsto un programma di serate a 360° che spaziano dalla musica alla danza, dagli acrobati al cabaret. Si inizia mercoledì 18 luglio con il primo ospite internazionale, la Barcelona Gipsy balKan Orchestra che propone un repertorio gipsy e balcanico. A fargli compagnia delle star locali: le Onde Beat con l’allegria degli anni ’60. Si prosegue giovedì 19 luglio con lo spettacolo di cabaret di Leonardo Manera direttamente da Zelig e Colorado, seguito da un’attenta selezione di tribute e cover band: i Fortunate Sons Creedence Clearwater Revival Tribute Band e gli Achtung Babies, la prima tribute band degli U2 nata nel 1993. Venerdì 20 luglio si torna all’estero con i londinesi Ember Trio: prima volta in Italia per il gruppo che tra violoncello e violino propone rifacimenti di musiche pop, dai Coldplay ad Adele, da Ed Sheeran a Dua Lipa fino a Despacito. Assieme a loro le mirabolanti acrobazie del Jungle Show e la giovane band elettro-rock locale Overlaps.

Ancora cabaret sabato 21 luglio con Sergio Sgrilli sempre da Zelig, la street funk music dei T-Bone’s Creed e infine tutti a scaternarsi con “Let’s dance”: una sfrenata serata all’insegna del ritmo Sudamericano.  Chiusura in bellezza domenica 22 luglio con la Magical Mystery Orchestra e la loro raffinata proposta dei Beatles, l’incredibile spettacolo degli Psycodrummers che suonano bidoni come fossero un’unica batteria e infine Il rock latin blues di El Cuento de la Chica y la Tequila. Tutte le serate saranno introdotte da Dj Giorgio Sany. Come recita lo slogan delle ultime edizioni, dunque, #vietatoannoiarsi!

Dopo i 15.000 visitatori dello scorso anno, contiamo di ripetere il successo di Restival, un’iniziativa che vuole diventare punto di riferimento per tutta l’area della bassa trevigiana - spiegano gli organizzatori – abbiamo alzato l’offerta musicale e quella degli spettacoli, grazie al supporto di molti sponsor e di tutte le attività del territorio”. Restival apre al pubblico dalle 18.30 e gli spettacoli sui due palchi inizieranno sempre alle 21.15.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ritorno dalla discoteca, Alberto Antonello positivo alla cannabis

  • Donna viene investita da un'auto e muore: è caccia al pirata della strada

  • Troppo grande la sofferenza per la malattia: ex assessore comunale si toglie la vita

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

Torna su
TrevisoToday è in caricamento