Concerto di Capodanno al teatro La Fenice: tra i protagonisti un violinista trevigiano

Alessandro Cappelletto, 27enne di Oderzo, è stato ripreso dalle telecamere di Rai 1 durante l'esecuzione del "Va' pensiero". Dal 2012 è il primo dei secondi violini del teatro veneziano

In foto: Alessandro Cappelletto al violino durante il concerto di Capodanno (Credits: Rai)

Nuovo anno, solita grande musica dal teatro La Fenice di Venezia dove, mercoledì 1 gennaio, è andato in scena il tradizionale Concerto di Capodanno diretto dal maestro Myung-Whun Chung, sudcoreano d'origine ma ormai italiano d'adozione.

Un evento che ha segnato nel migliore dei modi l'inizio del nuovo decennio, con una scaletta piena di celebri arie del melodramma italiano alternate a meravigliosi intermezzi di musica sinfonica. Applausi a scena aperta per "Nessun dorma", il can can tratto dall'"Orfeo all'Inferno" e il meraviglioso finale sulle note del brindisi de "La Traviata". Tra i momenti più emozionanti senza dubbio l'esecuzione del "Va' pensiero" dal "Nabucco" di Giuseppe Verdi. Le telecamere di Rai 1, che stavano trasmettendo in diretta nazionale l'evento, si sono soffermate durante uno dei momenti più seguiti e attesi del concerto su un intenso primo piano del violinista Alessandro Cappelletto, 27enne di Oderzo, entrato a far parte dell'Orchestra de La Fenice ormai da sette anni. Nato nel 1992, Alessandro Cappelletto ha conseguito il diploma di violino con il massimo dei voti, lode e menzione di merito presso il Conservatorio Agostino Steffani di Castelfranco Veneto sotto la guida di Marina Sarni nel 2008 e si è perfezionato con Dimitri Chichlov, Giovanni Guglielmo, Sonig Tchakerian e con Giuliano Carmignola presso l’Accademia Chigiana di Siena. Diplomato in composizione con il massimo dei voti nel 2017, dall'ottobre del 2012 è il primo dei secondi violini dell’Orchestra del Teatro La Fenice di Venezia. Immortalato in più riprese dalle telecamere Rai, Cappelletto ha dimostrato la sua grande professionalità nell'esecuzione, confermandosi come uno dei violinisti più talentuosi a livello internazionale in un'occasione unica e piena di fascino come il Concerto del 1 gennaio. Un talento trevigiano da tenere d'occhio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata cadavere Rosanna Sapori, giornalista «scomoda» del Nordest

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Detrazioni fiscali: tracciabilità obbligatoria per le spese del 2020

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

  • Diabete e retinopatia, il prof. Bandello: "Siamo all'avanguardia, ma ancora pochi screening"

  • Chiudono "Rosa e Baffo" e pub "Rosa": piazza di Bonisiolo deserta

Torna su
TrevisoToday è in caricamento