menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il fiume Sile, le sue origini narrate in un antico romanzo del 1499

Francesco Colonna nel romanzo allegorico "Hypnerotomachia Poliphili" narra della ricerca della donna amata, metafora di una trasformazione interiore alla ricerca dell'amore platonico

Intorno al fiume Sile che bagna la Marca trevigiana, si narrano curiose leggende sulla sua origine. Una di queste storie è raccontata dallo scrittore Francesco Colonna nel romanzo allegorico "Hypnerotomachia Poliphili" del 1499 , che descrive il combattimento amoroso in sogno di Polifilo (così la traduzione letterale del titolo greco).

Screenshot 2016-04-01 12.05.11-2

(Foto da www.old.glossom.com)

Il racconto narra della ricerca della donna amata, metafora di una trasformazione interiore alla ricerca dell' amore platonico. La splendida fanciulla, chiamata in causa è Murgania, dalla quale il paese di Morgano prenderebbe il nome. Tra le figlie del console romano Lelio Sylirio o Syliro e di Trivisia Calardia Pia, tra le quali anche Quintia e Septimia, Murgania era la più bella. A tal punto che i contadini del luogo scambiandola per Venere eressero una sorta di recinto sacro per adorarla, attirando così le ire della vera figlia di Zeus, che spinse il padre a incenerire il tempio di Murgania, trasformata in fonte insieme alle sorelle mentre il padre Sylirio fu mutato nel fiume che oggi conosciamo come Sile.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Il peso cambia da un giorno all'altro, perchè?

Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Montebelluna, la mamma di Mattia ai funerali: «Chi ha sbagliato pagherà»

  • Attualità

    Vaccinazioni, Benazzi difende l'infermiera: «Non è una No Vax»

  • Attualità

    Vax Day per i 70enni: «Code in mattinata, rifiuti per AstraZeneca»

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento