Parco del Livelet, un anno da record: nel 2019 superati i 20mila visitatori

Nel 2019 si sono registrati 6.039 visitatori, 12.034 studenti e 1.935 partecipanti ai grest per un totale complessivo di 20.008. Non era mai successo dall'inaugurazione

Chiusura da record per il Parco archeologico didattico del Livelet di Revine Lago. Nel 2019, da marzo a novembre, nei mesi di attività del parco si sono registrati infatti ben oltre 20mila visitatori. Si tratta di un vero e proprio record ed è la prima volta che dal 2007 (anno di inaugurazione), in una sola stagione il Livelet ha superato le ventimila presenze tra visitatori, scuole e partecipanti ai centri estivi. Si chiude dunque con un segno positivo, nonostante le numerose giornate di pioggia estive, un anno contraddistinto da eventi, mostre, laboratori, archeopomeriggi, serate al parco e giornate all’aria aperta.   

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel 2019 si sono registrati nello specifico 6.039 visitatori, 12.034 studenti e 1.935 partecipanti ai grest per un totale complessivo di 20.008 presenze annuali. «Siamo soddisfatti e allo stesso tempo orgogliosi di aver superato la quota delle 20mila presenze – spiega Giovanni Follador, presidente dei Unpli Treviso che gestisce il Livelet in convenzione con la Provincia di Treviso, il Comune di Revine Lago e in collaborazione con la Pro Loco di Revine Lago – il Parco del Livelet attira ormai turisti e visitatori oltre che scolaresche di ogni ordine e grado da tutto il Veneto e dalle regioni limitrofe. La proposta è variegata e innovativa, spazia dalle semplici domeniche all’aria aperta, con possibilità di pic-nic per le famiglie, ai tantissimi laboratori collegati al mondo della preistoria e dell’archeologia e alle palafitte che lo contraddistinguono. Aver puntato dunque sulla nostra storia, anche su quella più remota, richiamando le origine preistoriche del territorio è stata sicuramente una scelta vincente, che anno dopo anno premia il Parco del Livelet e la sua specificità naturalistica e di attrazione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento