Philippe Daverio da record: il suo ritorno a Treviso è già sold out

Martedì 30 ottobre al teatro Mario del Monaco, il celebre critico d'arte inaugurerà con il suo spettacolo il 208° anno accademico dell’ateneo di Treviso. Biglietti esauriti subito

Un successo annunciato. Anche se lo spettacolo deve ancora andare in scena. L’arrivo di Philippe Daverio a Treviso per inaugurare il 208° anno accademico dell’ateneo di Treviso, la cui attività è da molti anni supportata dal Rotary club che ha co-organizzato l’appuntamento, non è passato di certo inosservato.

Per l’evento di martedì 30 ottobre (ore 20,45 al teatro comunale – gentilmente concesso dal Comune di Treviso) si è creata un’autentica corsa al biglietto, tanto che le sedi del Rotary club Treviso, dell’ateneo di Treviso e del Barbazza garden center sono state assediate fin dal primo annuncio apparso su Facebook a metà ottobre. Già il titolo della conferenza che Philippe Daverio ha preparato proprio per l’occasione – “Le tre facce di Treviso: la storia, le genti, le arti” – non ha mancato di sollevare grande curiosità che, unita al prezzo popolare del biglietto (10 euro), ha fatto registrare il tutto esaurito con ampio anticipo sulla data dell’appuntamento. Tanto che, afferma la presidente del Rotary club Treviso, Marina Grasso: «Abbiamo aperto l’accesso anche al loggione del Teatro Comunale, che inizialmente non era previsto nella disponibilità della biglietteria, proprio per far trovare qualche biglietto - a 8 euro - a chi si è recato al Comunale nel primo giorno di prevendita in quella sede, martedì 23 ottobre. Ci dispiace per tutti coloro che non potranno prendervi parte, tra i quali anche soci dell’ateneo e del Rotary che hanno prenotato tardivamente, ma pochi minuti dopo l’apparizione del post su Facebook avevamo già ricevuto decine di prenotazioni telefoniche di persone che il giorno dopo hanno provveduto a ritirare il loro biglietto nei tre punti vendita indicati nella locandina. Se si è creato qualche malumore per la scarsa disponibilità di biglietti al Comunale è solo per la grande attesa che questo evento ha creato: se avessimo avuto a disposizione mille posti non sarebbero bastati».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tempestività di molti e scontento dei meno tempestivi a parte, resta un appuntamento straordinario con il quale l’ateneo di Treviso apre un anno ricco di appuntamenti culturali, come sottolinea il suo presidente Riccardo Mazzariol: «Con questo evento l'ateneo si conferma, da oltre 208 anni, promotore di cultura di alto livello per la città di Treviso. Con le sue 40 conferenze annuali, tradizionalmente tenute di venerdì alle ore 17.30 presso il complesso di San Nicolò, l'ateneo offre gratuitamente alla cittadinanza occasioni di approfondimento su temi d'attualità o inediti, nel solco dei grandi consoci del passato (come ad esempio Antonio Canova, Gioacchino Rossini, Antonio Scarpa o Antonio Rosmini) che ci hanno insegnato a diffondere un sapere non meramente riepilogativo. Senza dimenticare che il ricavato dalla vendita dei biglietti e il fondamentale sostegno di Banca Generali Private in questo appuntamento, creeranno un fondo che Ateneo di Treviso e Rotary Club Treviso destineranno completamente a progetti culturali in città, per aumentare l’accessibilità della bellezza ai disabili. Progetti che saranno annunciato martedì 30 ottobre, al Teatro Comunale, affollato di pubblico in ogni ordine di posto. Nel segno della cultura, dell’arte e anche della solidarietà. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Laurea in Medicina a Treviso: Governo impugna la legge del Veneto

  • Malattia fulminante spegne la vita della piccola Nicole a soli 12 anni

  • Apre a Oderzo il Würth Store, negozio con oltre 5 mila prodotti professionali

  • A 25 anni rileva un ristorante e apre una pizzeria per giovani e famiglie

  • Malore fatale mentre è a casa dell'amico, muore a 23 anni

  • Ricerche sui terremoti, trevigiano premiato dall’ETH di Zurigo

Torna su
TrevisoToday è in caricamento