“La Nostra Famiglia”, riprese tutte le attività nella piscina di Pieve di Soligo

Attualmente si può considerare circa il 60 per cento delle presenze rispetto alla situazione pre-Covid

La piscina

Ad un mese dalla riapertura della piscina de “La Nostra Famiglia” di Pieve di Soligo l’attivazione dei corsi si è completata. In modo graduale, all’inizio con il nuoto assistito, poi solo con alcune specifiche attività, ora sono entrate in acqua anche le società sportive, sono ripresi i corsi intensivi di nuoto e la ginnastica dolce in acqua per i “diversamente giovani”. Come racconta Gianluca Amistani, coordinatore della piscina: “da subito in molti hanno chiesto di poter riprendere e, grazie ad una attenta organizzazione, si è riusciti a garantire l’accesso in vasca del maggior numero di persone possibile, - e ancora - all’inizio vi erano parecchi timori per la particolarità della situazione, ma ad attività in corso questi dubbi si sono dissolti sia per i dispositivi messi in atto che per il comportamento responsabile delle persone”. Attualmente si può considerare circa il 60 per cento delle presenze rispetto alla situazione pre-Covid. Ciò non è dovuto alla mancanza di richieste, in quanto molti domandano di poter accedere alla piscina, ma alla necessità di garantire il distanziamento, al rispetto delle presenze in base agli spazi e alla gestione degli spogliatoi che hanno imposto una parziale riduzione degli accessi. La speranza è che in seguito ci si possa avvicinare al numero pre emergenza. Anche i bambini della scuola nuoto sono entrati in vasca e stanno svolgendo i corsi intensivi mentre sono riprese le attività agonistiche in collaborazione con la società sportiva dilettantistica Stella Marina. Tra questi ci sono anche atleti con difficoltà appartenenti alla Federazione Italiana Sport Disabili, iscritta al Comitato Paralimpico, e che grazie ad un lungo percorso di attività in acqua hanno raggiunto alte prestazioni. Alcuni sono caratterizzati da disturbi generalizzati dello sviluppo, altri da autismo, sindrome di Down, disturbi motori o in genere disturbi dell’ambito relazionale e sociale. L’acqua per loro diventa il modo per scoprire il proprio corpo e le proprie abilità, luogo di relazione e di fiducia nell’altro, veicolo di emozioni e di affetti. Le tecniche natatorie e le capacità acquisite appartengono ad un progetto riabilitativo globale e hanno una valenza terapeutica per il processo di socializzazione e integrazione con il gruppo dei pari. Come sostiene Doriana Marcon, tecnico della squadra sportiva: “sono ragazzi che durante le gare mettono tutto loro stessi, riuscendo anche a vincere alcune gare organizzate dalla Federazione Italiana Nuoto, vivono le gioie della vittoria e gestiscono le frustrazioni della sconfitta”.

La presenza della piscina nel Quartier del Piave si conferma una grande opportunità. E’ una realtà che offre ai cittadini la possibilità di attività motoria in acqua, ma per tanti ragazzi diventa il luogo per fare riabilitazione e favorire l’integrazione sociale.

Pieve_3-3

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunce

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Schianto tra camion, chiuso il tratto Portogruaro-San Stino della A4

Torna su
TrevisoToday è in caricamento