menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il made in Treviso va di moda: il radicchio trevigiano è sempre più richiesto

Il Consorzio tira le somme di un bilancio provvisorio che evidenzia però una produzione in costante crescita. Tra gli obiettivi sensibilizzare anche le catene di distribuzione locale

È tempo di Macfrut anche per il Consorzio del Radicchio Rosso di Treviso IGP e Variegato di Castelfranco IGP, la fiera di settore più importante del territorio nazionale che coincide con gli ultimi giorni di stagione. Una stagione che tira le somme e che abbozza un primo bilancio contraddistinto, ancora una volta, dal segno positivo.

Il Radicchio Rosso di Treviso IGP piace ed è sempre più richiesto, lo conferma il bilancio (ancora provvisorio) che stima un ulteriore incremento del 16 % per la varietà Tardiva con circa 900.000 kg prodotto certificato e un incremento del 20% per la varietà Precoce che arriva circa a 315.000 kg, annata che registra una lieve flessione per il Radicchio Variegato di Castelfranco IGP, - 14 % decrescita dettata principalmente dalla stagionalità atipica degli scorsi mesi. Dati positivi importanti, seppur provvisori, che confermano il trend di crescita dato delle scelte strategiche messe in campo da Consorzio, produttori e confezionatori che hanno permesso ad un prodotto di alta gamma come il Radicchio IGP di essere conosciuto, apprezzato e quindi richiesto dai consumatori del Nord e Centro Italia.

“Un'annata lunga distinta inizialmente da problematiche agronomiche con le quali i produttori si sono confrontati a causa di un avvio di stagione con temperature particolarmente elevate – sottolinea Andrea Tosatto, Presidente del Consorzio – un prodotto che ha poi incontrato mesi freddi e asciutti, caratteristiche che hanno permesso alla stagionalità di protrarsi per un periodo più lungo, fino a metà maggio. Le soddisfazioni non mancano, ci stiamo muovendo nella giusta direzione ma parliamo pur sempre di un prodotto agricolo che deve fare i conti con l'andamento climatico. Ci piacerebbe che le catene di distribuzione locale fossero maggiormente sensibili al prodotto IGP, creassero una selezione di alta gamma, l'esempio di successo arriva dalle grandi catene, dove il prodotto IGP non può più mancare”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Attualità

Asolo, malore sul lavoro: dipendente comunale muore a 44 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento