rotate-mobile
Blog Centro / Via Campana, 5

Raw: gangster, droga e sesso nel nuovo film girato a Treviso

Inizieranno a settembre le riprese del secondo lungometraggio di Gabriel Otero, regista argentino residente a Parigi, che ha deciso di ispirarsi ad un fatto di cronaca del 2014, realmente accaduto nella Marca

Quei Turbo Ragazzi, il locale con vista sui Buranelli di Treviso, ha ospitato lunedì 3 aprile la presentazione di "Raw", secondo film del regista argentino Gabriel Otero le cui riprese inizieranno a settembre 2023 proprio nel capoluogo della Marca grazie al patrocinio del Comune di Treviso e al sostegno di Veneto Film Commission. Il film, a detta del regista, sarà un mix tra "Scarface" (storico gangster movie di Brian De Palma con Al Pacino) e "Pulp Fiction" (film cult di Quentin Tarantino). Un mix di azione, sesso e violenza destinato a far discutere ma anche a catturare l'attenzione degli appassionati dei B-Movie di genere.

La trama

Ispirato a fatti realmente accaduti, il film narra la storia di Raw, giovane di origini albanesi che, dopo la diaspora degli anni ’90, arriva in Italia con l'intenzione di rilanciare la sua vita. A Treviso inizia a lavorare con il fratello come imbianchino ma capisce subito che può avere di più, non vuole sporcasi le mani con la vernice e ha una precisa visione del suo futuro. Entrato in contatto con un parente della mafia albanese inizia così la sua vita da gangster. Raw partirà da Treviso per costruire la sua vita da fuorilegge diventando amico e confidente di molti clienti in città. La fame di successo lo porterà ad espandersi anche al di fuori della Marca e del Veneto. Campione di Muay thai (la boxe thailandese), Raw diventerà un gangster romantico ed elegante, amante delle belle donne, delle auto di grossa cilindrata e degli orologi di lusso. La sua ossessione? Stirare le banconote prima di andare a dormire. Prodotto da Blow Up Productions e Rattlesnake Productions, il film uscirà nell'estate del 2024.

Raw Official Poster-2

Le riprese

"Raw" sarà girato a Treviso, Venezia, Torino, Parigi, Amsterdam, Durazzo e Ibiza. Il primo ciak sarà proprio nel capoluogo della Marca a fine estate (settembre 2023). Il regista Gabriel Otero conta di impiegare tre mesi per girare il film, dopodiché inizieranno i sei mesi di post-produzione prima di poter presentare "Raw" al pubblico l'anno prossimo. Le location trevigiane dove il film verrà girato sono già state definite: gran parte delle scene saranno girate proprio all'interno del locale "Quei turbo ragazzi" con il titolare Niccolò Moro che avrà una piccola parte nel film. Ci saranno poi molte riprese con il drone in volo sulla città, a rappresentare il volo metaforico di un'aquila, simbolo della bandiera albanese personificata dal personaggio di Raw. Parte del film sarà poi ambientata nel carcere di Santa Bona, ricreato in studio per l'occasione.

La presentazione del film-3

Il commento

Gabriel Otero è arrivato alla presentazione del suo secondo lungometraggio con sceneggiatura e storyboard già stampati e alla mano. «Il film - spiega - è nato dopo il mio incontro con Paolo Bellini (protagonista e co-produttore del film). Entrambi viviamo a Parigi e, non appena ho saputo che praticava Muay thai ed era interessato al progetto abbiamo subito lavorato insieme. Odio lavorare con attori professionisti - continua Otero -. Preferisco trovare persone vere che si avvicinino il più possibile ai personaggi che metto in scena. Il titolo e il nome del protagonista ci sono venuti in mente una sera a Parigi pensando all'animo selvaggio di Raw. Sarà un film spettacolare - continua il regista -. Oggi il pubblico ama vedere azione, belle donne e storie coinvolgenti quando va al cinema. "Raw" è un mix di tutto questo, mi piacerebbe che l'anteprima nel 2024 fosse a Venezia visto che la storia è così legata a Treviso e al Veneto». Guai però a chiedergli chi è il vero protagonista che ha ispirato il film: «Se rivelassi il suo vero nome - conclude Otero - la mia sicurezza personale sarebbe in grande pericolo ma è stato proprio lui a raccontarmi la sua vita da gangster partita nel 2014, dandomi lo spunto per scrivere e realizzare questa storia di finzione». Nei piani di Gabriel Otero è già in cantiere un sequel del film, "Raw 2". «Mi piacerebbe diventasse protagnonista di una vera e propria saga cinematografica come quelle di John Wick o Jason Bourne». Di sicuro Treviso tornerà sul grande schermo in una versione a dir poco inedita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raw: gangster, droga e sesso nel nuovo film girato a Treviso

TrevisoToday è in caricamento