rotate-mobile
Mercoledì, 7 Dicembre 2022
Blog Centro / Via Calmaggiore

Il FAI Giovani riconsegna a Treviso l’Agnus Dei, uno degli affreschi più antichi della città

Il tutto avverrà sabato durante la serata intitolata "Notte d’affresco". Si tratta del primo restauro promosso dai ragazzi nei tre anni di attività e porta con se il forte desiderio di dare un segnale concreto al centro storico

TREVISO Sabato 1 luglio dalle ore 18 verrà presentato il restauro di un antico e importante lacerto d’affresco del XII secolo: la lunetta raffigurante l’Agnus Dei sovrastante la piccola porta del fianco settentrionale della Chiesa di S. Giovanni Battista. La particolarità di questo piccolo ma prezioso affresco, dall’alto valore simbolico, è di essere in un punto visibilissimo della città, lungo l’inizio della passeggiata del Calmaggiore e, nonostante ciò, di non essere affatto conosciuto perché celato dal suo pessimo stato di conservazione.

"E’ un traguardo molto importante" racconta Paolo Carmignola, responsabile del gruppo FAI Giovani Treviso, "rappresenta infatti la realizzazione del sogno di fare qualcosa di concreto per la nostra città. Solitamente i fondi raccolti durante le attività sono destinati alla sede FAI di Milano e distribuiti ai beni che il FAI stesso restaura e apre al pubblico; questa volta restano a Treviso e ritornano a chi, attraverso un’offerta, rende possibile fruire della bellezza della propria storia.  Fare qualcosa per conoscere gli affreschi, nasce all’interno del gruppo FAI giovani da un’idea di Mauro Dal Bo, volontario FAI e illustratore trevigiano che, con il fondamentale supporto di Fondazione Benetton, è riuscito a guidare il gruppo alla scoperta di questo patrimonio di cui la città è custode. Nel 2015 nasce ‘Caccia all’Affresco’, un’esperienza ludica che permette, indizio dopo indizio, di svelare la Treviso Urbs Picta. Hanno partecipato 28 squadre per un totale di 160 persone, 15 affreschi e altrettanti indizi e, con il coinvolgimento delle scuole, 21 classi e più di 400 ragazzi. I fondi per il restauro sono stati raccolti anche dalle altre numerose iniziative che il gruppo FAI giovani porta avanti ormai da tre anni. Tra le principali il progetto ‘FAI un Giro in Villa’ che, attraverso visite guidate con forte riscontro emozionale, fa rivivere ai visitatori sensazioni e atmosfere dell’epoca e il progetto ‘L’arte incontra l’Impresa’, una serie di appuntamenti con imprenditori veneti, appassionati o mecenati, per scoprire il loro rapporto con l’arte e come  questa si leghi all’impresa.

La serata di sabato prevede una ‘Mini Caccia all’Affresco’ con inizio alle ore 18 per cui è consigliata la prenotazione a faigiovani.treviso@fondoambiente.it (posti limitati), partenza da via Cornarotta (angolo Calmaggiore). Chi non ha una squadra già costituita verrà accorpato in loco alle squadre formate. Ci saranno tre indizi alla scoperta di tre affreschi significativi della città, per un tempo massimo di venti minuti. Seguirà alle 18.30 la presentazione del restauro con il contributo degli addetti ai lavori Antonio Costantini e Benedetta Lopez Bani presso la piazza del Battistero. Successivamente, nel medesimo luogo, alle 19.30, sarete accompagnati da Treviso Suona Jazz e il gruppo Off Broadway con la possibilità di unire alla musica un piacevole aperitivo. Guidati dai volontari FAI, dalle 20.30, sarà possibile visitare il Battistero, previa prenotazione in loco dalle 18.30 (desk dedicato, fino ad esaurimento posti). L’intero evento è gratuito.

Il FAI Giovani è composto da ragazzi di età compresa tra i 18 e i 35 anni, che mettono a disposizione il loro tempo, la loro formazione e la loro professionalità in modo volontario, per realizzare eventi e progetti che diventino momenti di convivialità e di riflessione sulla cultura e sull'ambiente. I Gruppi FAI Giovani sono già presenti in numerose città italiane, all'interno delle Delegazioni FAI e coinvolgono le Università e le associazioni di giovani professionisti per creare una rete nazionale che condivida la mission del FAI. "La serata è patrocinata dal Comune di Treviso e resa possibile grazie al contributo di Gioielleria Giraldo.  Si ringrazia inoltre per il supporto la Diocesi di Treviso, Barbazza Garden, Treviso Suona Jazz, Caffetteria Venturato, DSS Service, Antonio Costantini, Benedetta Bani Lopez, Mattia Dal Bianco, Maria Sole Crespi, Renzo Secco e la nostra Capo delegazione Gabriella Busetto Dei Rossi".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il FAI Giovani riconsegna a Treviso l’Agnus Dei, uno degli affreschi più antichi della città

TrevisoToday è in caricamento