Tiramisù World Cup 2019: la manifestazione riparte dallo "Spritz Time"

Il founder, Francesco Redi: «E’ il momento della giornata che tutti attendono». E i vincitori dell’edizione di quest’anno voleranno in Brasile a novembre

La Tiramisù World Cup 2019, la “sfida più golosa dell’anno”, si presenta a Treviso, come da tradizione. E dopo il fiume Sile (2017) e le colline del prosecco (2018) il tema di quest’anno è lo “spritz time”, il classico momento dell’aperitivo nelle zone fra Veneto e Friuli Venezia Giulia. Le tappe 2019: Friuli Venezia Giulia, 21-22 settembre; City2 e Hilton Grand Place Brussels di Bruxelles, 11-12 e 14 ottobre; Treviso (1-2 novembre); Grand Final in centro a Treviso il 3 novembre 2019. Giunta alla sua terza edizione, la TWC conta già centinaia di appassionati chef da tutto il mondo (rigorosamente non-professionisti), che si stanno allenando per sfidarsi nella preparazione del Tiramisù (ricetta originale: savoiardi, mascarpone, uova, zucchero, caffè e cacao) o del Tiramisù creativo (con la possibilità di aggiungere fino a tre prodotti e di sostituire il biscotto).

Dopo l’anticipazione a Bibione (San Michele al Tagliamento) con le “Summer Selections” nello scorso giugno, la TWC esce nuovamente dalle sue terre d’origine e approda in Friuli Venezia Giulia, dove si sfideranno 60 concorrenti. L’appuntamento è per il primo fine settimana d’autunno (21-22 settembre). A seguire, prima tappa assoluta fuori dai confini nazionali: due giorni di selezioni (60 concorrenti in gara) presso City2 di Bruxelles e finale di tappa all’Hilton Grand Place Brussels. Poi, come da tradizione, due giorni di selezioni a Treviso (1 e 2 novembre) e Grand Final nel cuore della città. Le iscrizioni alla gara sono aperte (www.tiramisuworldcup.com) e già si registrano iscrizioni di concorrenti dall’Australia e dal Regno Unito, e poi Svizzera, Spagna, Austria e Germania. 

Molte le novità di quest’anno, a cominciare dalla tematica: «Ci siamo accorti che uno dei momenti più attesi delle nostre giornate, quelli che immancabilmente “condiscono” ritrovi con gli amici (ma anche appuntamenti di lavoro!) è quello dello “spritz time”, inteso come aperitivo - ha illustrato Francesco Redi di Twissen, ideatore e organizzatore della rassegna - Ecco allora l’idea di condividere questo momento con chi viene a Treviso per la TWC, com’è d’abitudine quando si accolgono gli amici. Allo stesso tempo, è un’occasione per immergersi nella città che già così come si presenta rimane impressa per i suoi scorci, la sua atmosfera ed il patrimonio artistico». Una grande sorpresa aspetta inoltre i vincitori di quest’anno: chi verrà incoronato “Campione TWC 2019” volerà a Curitiba, Paraná, in Brasile. Lì, a novembre, i due Campioni saranno ospiti e protagonisti della “Settimana della Cucina Italiana nel mondo”, evento promosso dal Ministero degli Esteri in tutte le Ambasciate del Mondo. «Per questo, ringraziamo il Console Generale d’Italia a Curitiba, Raffaele Festa, e il Presidente del Centro Europeu, Carlos Sandrini, per l’importante appoggio e collaborazione», ha detto ancora Redi.

«La Tiramisù World Cup, in sole tre edizioni, è diventata ormai un classico fra le competizioni gastronomiche, facendosi conoscere anche all’estero, dove il dolce di Treviso non solo è apprezzatissimo ma è diventato pure un simbolo del made in Italy - ha spiegato Mario Conte, sindaco di Treviso - Siamo contenti di ospitare questa gara di livello internazionale, che unisce tradizione e futuro, genuinità e gourmet. So che gli aspiranti campioni si stanno già allenando fra uova, savoiardi, mascarpone e cacao per realizzare il tiramisù più buono del mondo: non vedo l’ora di assaggiare e premiare le loro opere d’arte».

La TWC è una manifestazione importante non solo per la città di Treviso, ma per l’intera Regione Veneto - così Federico Caner, assessore al turismo e al commercio estero della Regione Veneto - Un evento che riesce a raccogliere qui turisti da tutto il mondo. Proprio il 25% dei turisti si muove per mangiare e bere bene e noi in Veneto possiamo dare qualcosa in più proprio assaggiare questo dolce e poi scoprire i nostri territori come le colline “del Prosecco” di Conegliano e Valdobbiadene, da poco patrimonio dell’Unesco come le Dolomiti e Venezia».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da propria parte, Confcommercio dichiara che «l’intero sistema Confcommercio, con l’appoggio diretto di Fipe, Federalberghi e Gruppo Alimentare si pone a sostegno del progetto TWC, perché da sempre le categorie di Confcommercio sono impegnate nella valorizzazione delle eccellenze territoriali quali principali veicoli di diffusione della nostra identità culturale. Nell’insieme, Confcommercio garantisce a TWC non solo collaborazione e sostegno, ma la necessaria cornice che rende questo evento un vero progetto identitario del territorio per il territorio, vissuto e promosso a pieno dalle imprese, per assicurarne non solo il successo turistico e di pubblico, ma la continuità e la crescita nel tempo. Il tiramisù, per Confcommercio, «è un grande investimento sulla storia e sulla nostra identità che ci sta restituendo notevoli soddisfazioni».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Scooter fuori strada contro un lampione: morta una 14enne

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Salvato dall'annegamento, 20enne muore dopo una settimana di agonia

  • Tragedia di Farra, Vittoria ha donato gli organi: fissata la data dei funerali

Torna su
TrevisoToday è in caricamento