rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
blog Centro / Borgo Giuseppe Mazzini

Speciale Treviso Comic Book Festival: ci saranno 25 mostre, 200 artisti e 15 workshop

Da Serafini a Cavazzano, i grandi maestri dell’illustrazione e del fumetto a dialogo con i nuovi talenti. Ancora più ricche invece le due mostre mercato nel cuore della città

TREVISO Dal 21 al 24 settembre torna il Treviso Comics Book Festival, la kermesse internazionale di fumetto e illustrazione. La preview è in programma il 16 settembre con una doppia esposizione, mentre le due mostre mercato saranno sabato 23 e domenica 24 nel chiostro seicentesco della sede ex Umberto I - Israa, in Borgo Mazzini e in Piazza Matteotti. Il tema dell’edizione 2017 sarà “GENERAZIONI”.

ll TCBF si propone quest’anno come una piattaforma privilegiata di dialogo, capace di indagare il presente mettendo a confronto generazioni diverse di artisti da tutto il mondo. “Generazioni” intese anche come processi creativi: l’atto di generare, di dare origine a nuove idee su cui seminare la società del futuro. Questa è la sfida (inter-generazionale) lanciata dall’edizione 2017 del Treviso Comic Book Festival: grandi maestri, giovani talenti, nouvelle vague, autori da tutto il mondo (anche da Oltreoceano) porteranno in mostra la propria arte; fumetto, illustrazione, musica, arti visive, il tutto “fuso” nel festival “diffuso” di Treviso.

Più di 200 artisti, 15 workshop, una ventina tra incontri e conferenze, centinaia di vetrine decorate nel centro storico di Treviso, e 25 mostre organizzate in location suggestive e prestigiose: da quest’anno ospitano le collezioni TCBF anche Palazzo Manin e Palazzo Giacomelli, quest’ultimo sede di Unindustria, a testimonianza delle relazioni sempre più radicate che il TCBF è riuscito a stringere con il tessuto produttivo della città. E a partire da questa edizione ci sarà anche uno strumento in più a disposizione delle decine di migliaia di visitatori che arriveranno a Treviso: sarà infatti possibile orientarsi più facilmente per le vie e piazze della città grazie alla nuova App gratuita del TCBF.

PREVIEW: L’antipasto del Festival è in programma sabato 16 settembre, con due mostre dedicate ad altrettanti artisti veneti: il Campus Universitario dell’Università Ca’ Foscari ospiterà il fumettista trevigiano Claudio Calia, da anni impegnato sul fronte del graphic journalism; a seguire, all’Eden Cafè, una mostra sarà dedicata all’arte del vicentino Michele Bruttomesso, illustratore-designer e membro del collettivo di fumettisti trevigiani Super Squalo Terrore. L’accompagnamento musicale della serata sarà affidato al duo electro-dance Le Mandorle e al dj set del progetto Cactus Radio.

NAZIONE OSPITE: Quest’anno il TCBF guarda alle Repubbliche Baltiche (Estonia, Lettonia e Lituania), stati europei giovani che stanno dando sfogo a una generazione di straordinari talenti votati all’internazionalità. A partire da domenica 24 settembre Casa Robegan ospiterà dunque la mostra antologica “Koomiks, Komiksi, Komiksai - Fumetto fino al Mar Baltico e oltre”, che si comporrà di fumetti, sculture, installazioni, video e dipinti. Sarà curata dal fumettista Emanuele Rosso, in collaborazione con “Kuš! Komikss” e coinvolgerà 18 artisti, esponenti della nouvelle vague baltica.

I GRANDI MAESTRI: Il Festival avrà quest’anno l’onore di ospitare un vero fuoriclasse dell’illustrazione mondiale: Luigi Serafini, genio romano ammirato anche da Calvino, porterà in mostra a Ca’ dei Ricchi le tavole del suo ammirato Codex Seraphinianus, con in più una selezione del nuovo libro Pulcinellopaedia Seraphiniana. Palazzo Giacomelli ospiterà invece, a partire da sabato 23 settembre, la mostra di Giorgio Cavazzano, storico autore Disney che al Festival festeggia cinquant'anni di carriera: l'allestimento, curato da Francesco Verni, sarà dedicato a Topo Maltese, la controfigura parodica con cui l'artista veneziano ha omaggiato il marinaio di Hugo Pratt. È previsto anche un incontro speciale durante il quale Cavazzano dialogherà con gli autori Disney del presente e del futuro: da Tito Faraci a Simone Sio Albrigi a Giorgio Salati. Domenica 24 settembre a Casa Robegan il Festival dedicherà una retrospettiva ai 30 anni di carriera di Onofrio Catacchio, autore completo e poliedrico, collaboratore di Frigidaire e Granata Press, Edizioni Star Comics e Sergio Bonelli. Venerdì 22 a Palazzo Manin, infine, apertura della mostra Viaggio in Islanda di Guido Scarabottolo: il celebre illustratore italiano presenterà il suo ultimo libro metafisico, portando a Treviso il suo immaginifico percorso tra cascate, colate laviche, animali archetipici, rocce e ambientazioni surreali.

GLI OSPITI INTERNAZIONALI: Da sempre votato all’internazionalità, il Festival ospiterà una selezione di sorprendenti artisti europei e d’Oltreoceano. Direttamente dal Canada, per la sua prima esposizione in Italia, ci sarà Nina Bunjevac, applauditissima autrice di origini serbe, impostasi sulla scena internazionale con la graphic novel Fatherland. Ospite canadese è anche il sorprendente Jesse Jacobs, autore del manifesto ufficiale del TCBF 2017: ha lavorato per Adventure Time e in pochi anni ha saputo rimettere il fumetto underground d'oltreoceano sulla mappa. Andy Rementer, illustratore e artista americano formatosi a Fabrica, tornerà a Treviso per una mostra curata proprio dal Centro di ricerca e comunicazione del Gruppo Benetton. Recentemente riconosciuto dall'Art Directors Club come “Young Gun” (giovane talento), ha già collaborato con il New York Times, MTV, Urban Outfitters, New Yorker, Warner Bros e Creative Review. Dalla Francia, il poliedrico Thomas Gilbert porterà in mostra le tavole del suo ultimo libro La saggezza delle pietre e dell'applaudito Velenose. Mentre dalla Finlandia ci presenterà i suoi personaggi meravigliosi il prodigioso illustratore Eero Lampinen, un vero esempio di "dolce stil novo", anch’egli per la prima volta in Italia.

LE MOSTRE-EVENTO: L’Headquarter di Lobster farà da cornice alla mostra XL Comics, dedicata al magazine di Repubblica XL, che dal 2005 al 2013 ha dato spazio al meglio del fumetto italiano e internazionale. Numerosi illustratori e fumettisti omaggeranno anche Davide Toffolo, frontman dei Tre Allegri Ragazzi Morti nonché pluripremiato fumettista italiano. Anatomia dell'adolescenza, a cura del collettivo La Legione degli Artisti, sarà un'esposizione dicotomica dedicata sia ai personaggi dei suoi fumetti che a quelli ispirati alle canzoni della band. La galleria del Liceo Artistico ospiterà l'esposizione dedicata al padre della pop art, Andy Warhol, scomparso 30 anni fa a New York. Lo sceneggiatore Adriano Barone e l'illustratore Officina Infernale lo omaggiano nel fumetto radicale e visionario Warhol – L'intervista.

GLI INDIPENDENTI: Tra gli indipendenti di quest'edizione, spicca la disegnatrice americana Carolyn Nowac, che presenterà l’edizione italiana del suo Diana e la lingua robotica (uno dei più interessanti e recenti esempi di fantascienza a fumetti); il giovane fumettista milanese Spugna, autore rivelazione a TCBF 2015, presenterà il fantasy apocalittico The Rust Kingdom; le illustratrici di Blanca, il collettivo che si scioglierà proprio in occasione del TCBF 2017, hanno organizzato un’originale esposizione interattiva d’addio, dove tutti potranno partecipare attivamente giocando e divertendosi; Alice Socal, artista veneta trapiantata ad Amburgo, mette in mostra le tavole raffinate e originalissime del sul Cry me a river e, in anteprima esclusiva, quelle inedite del libro che uscirà in autunno per Canicola; Melagrana, la nuova antologia dell'etichetta indipendente Attaccapanni Press, porta al Festival il complesso mondo dell'eros da un punto di vista inedito: quello dei migliori talenti emergenti del fumetto italiano.

PER I PIÙ PICCOLI: Spazio anche per i più piccoli con le tavole di Christian Cornia, autore modenese che ha disegnato (su sceneggiatura del disneyano Giorgio Salati) Brina e la Banda del sole felino, la storia di una gatta alla ricerca di se stessa. I due autori cureranno anche un interessante workshop, aperto agli appassionati di fumetto più giovani.

LA MOSTRA MERCATO: Due anime contraddistinguono il Festival: da un lato il programma artistico, composto da mostre, incontri ed eventi, dall’altro l’abituale mostra mercato che si divide tra il meraviglioso chiostro seicentesco della sede ex Umberto I - Israa, dove troveranno spazio gli editori, le autoproduzioni e gli autori, e una tensostruttura in Piazza Matteotti, dedicata ai negozianti di fumetto nuovo, usato e d’antiquariato. Il 23 e il 24 settembre, gli innumerevoli ospiti saranno impegnati a disegnare per il pubblico, e negli stessi giorni, sempre all’ex Umberto I, un fitto programma di conferenze gratuite metterà in dialogo autori e pubblico.

I WORKSHOP E I TALK: Come ogni anno, il TCBF offre un ricchissimo programma di talk e workshop: dalla CGI di BigRock all’arte di curare una mostra d’arte, passando per i laboratori di inchiostrazione e colorazione, fumetto, illustrazione, disegno per l’infanzia, produzione di adesivi, narrativa e papercut. Inoltre, durante la kermesse, Treviso si animerà di una galassia di eventi fumettistici organizzati autonomamente.

LA FESTA FINALE: Sarà ancora l’ex Caserma Piave ad ospitare il party finale del Treviso Comic Book Festival, fondamentale momento ludico e ricreativo del festival, che avrà luogo sabato 23 settembre dalle ore 21. Suoneranno Alex Paone, Auza e Giorgio Poi, che con il suo album d’esordio Fa Niente ha riscosso gli applausi entusiasti di stampa e pubblico, affermandosi come una delle novità più dirompenti della scena indie nazionale.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Speciale Treviso Comic Book Festival: ci saranno 25 mostre, 200 artisti e 15 workshop

TrevisoToday è in caricamento