Il tiramisù di Treviso per Belluno: il dolce che fa bene

Per un intero week-end il dolce trevigiano sarà il simbolo della solidarietà verso le zone colpite dal maltempo. In sei locali cittadini ordinando una porzione di Tiramisù si potrà contribuire alla raccolta fondi di Regione Veneto

Sta per arrivare il fine settimana più dolce dell'anno! Sabato 1 e domenica 2 dicembre, semplicemente ordinando una golosa porzione del celebre dessert trevigiano nei locali aderenti, si potrà compiere un gesto di solidarietà nei confronti dei territori devastati dalle intemperie di fine ottobre.

Per tutto il week-end, infatti, presso Le Beccherie, Acquasalsa, Ai Soffioni, Al Corder, Proseccheria e Aimè per ogni porzione di Tiramisù di Treviso servita sarà devoluto 1€ al Conto Corrente attivato dalla Regione del Veneto a favore delle zone colpite dal maltempo. «Il nostro è un piccolo gesto – spiega l'imprenditore Paolo Lai – con il quale intendiamo dare un contributo a tutte quelle comunità che stanno vivendo un momento difficile, perché - mai come in questo caso - l'unione fa la forza».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Tiramisù di Treviso diventa dunque il simbolo di un'iniziativa semplice nata con lo scopo di aiutare e, soprattutto, non dimenticare chi sta cercando di tornare alla normalità. «Abbiamo scelto di identificare questo progetto con il Tiramisù – prosegue Lai – perché, oltre ad essere uno degli emblemi di Treviso, è anche il dessert della tradizione, quello che viene preparato in tutte le famiglie. Un dolce che è nato storicamente come gesto d'affetto e che oggi vogliamo far diventare un simbolo di solidarietà e rinascita».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento