Vascon: ecco le date ufficiali della "Festa d'Estate" e di "Co' i piè descalsi"

Il cartellone è ormai chiuso e nei prossimi giorni gli organizzatori annunceranno i primi nomi

CARBONERA Passata la boa dei 30 anni, la Festa d’estate è pronta a decollare e far vivere 5 giorni di ottima musica live nella storica piazza di Vascon. Anche quest’anno infatti, l’estate dei festival trevigiani inizierà proprio da qui, da questo piccolo paese che ha saputo presentare grandi nomi della musica nazionale ed internazionale in tutti questi anni. Il cartellone è ormai chiuso e nei prossimi giorni gli organizzatori annunceranno i primi nomi. Sarà l’ennesima importante edizione che cercherà di celebrare con i numerosi generi musicali, i 50 anni da quel simbolico 1968, annata storica che portò grandi innovazioni e stravolgimenti anche in ambito musicale. Non mancheranno le proposte locali affiancate a grandi nomi del Blues e Rock… e non solo.

“Ci scusiamo con i nostri amici e sostenitori -spiegano gli organizzatori- se in questi mesi siamo stati poco presenti sui nostri canali social ma siamo stati molto impegnati nella pianificazione di molti progetti e programmi relativi ai nostri festival: abbiamo sostenuto dei corsi obbligatori con i Vigili del fuoco per quanto riguarda il tema sicurezza e organizzato numerosi incontri per migliorare la gestione enogastronomica durante le nostre manifestazioni. Organizzare eventi come i nostri richiede sempre molti sacrifici in termini di ore e di energie all’interno del nostro direttivo e speriamo che questa passione che mettiamo da volontari, venga trasmessa durante i nostri festival.”

E dopo aver aperto l’estate trevigiana con la “Festa d’estate”, toccherà a “Co i piè descalsi” chiudere la stagione dei festival. Dal 13 al 17 settembre infatti il gruppo 86 sarà nuovamente impegnato con la ventunesima edizione della rassegna dedicata all’arte di strada. Compagnie e artisti da tutto il mondo invaderanno piazze e vie di Vascon tra espostori, laboratori, mostre e artigiani. In questa nuova edizione rivoluzioneremo il percorso e arricchiremo la piazza principale con tante novità. I presupposti per una super edizione ci sono tutti. Un festival che continua a rimanere giovane e che di anno in anno riconferma il suo successo e la sua esuberanza, facendo crescere e moltiplicare l’interesse da parte di migliaia di persone verso il teatro e l’arte di strada: questo è sicuramente motivo d’orgoglio e soddisfazione per noi, per tutte le forze mentali e fisiche impiegate in ogni edizione. Il tempo, i tempi sono particolarmente duri sotto tanti punti di vista, ma proprio per questo è ancora più importante continuare a far festa, fare festival, fare cultura promuovere l’arte lo spettacolo, la musica, per combattere contro tutto ciò che cerca di schiacciare la nostra umanità, per affermare il diritto ad essere felici. Con immensa felicità ringraziamo tutti quelli che da anni credono nelle nostre attività, nei nostri festival e che continuano a parteciparvi e a promuoverli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Schianto contro un camion, dichiarata la morte cerebrale del 17enne

  • Allarme rosso per il livello del Piave: ordinati gli sgomberi delle golene

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

  • La ghiacciaia: il bistrot realizzato in un bunker della Grande Guerra

  • Esplode una granata nel garage di casa, 19enne trasportato in ospedale

Torna su
TrevisoToday è in caricamento