Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

Entrambe dal potente potere detergente e disinfettante, ma qual è più efficace, ecco le differenze

La maggior parte dei detergenti che utilizziamo per la pulizia della casa, sono realizzati con ammoniaca o candeggina. Sono due prodotti economici, ottimi per eliminare macchie ostiche, entrambi possono essere utilizzati sia diluiti che in purezza. In nessuna circostanza devono essere miscelati assieme. Se uniti, possono creare una sostanza chimica e altamente tossica, che prende il nome di cloramina, un gas altamente velenoso che può causare nausea, respiro sibilante e polmonite.
Essendo entrambe delle soluzioni efficaci ad alto potere disinfettante e igienizzante, candeggina e ammoniaca presentano differenze ed utilizzi diversi.

Prima di tutto esiste una differenza sostanziale tra igienizzare e disinfettare:

  • Detergere o igienizzare significa rimuovere da una superficie lo sporco superficiale e con esso i germi ed i batteri presenti senza però eliminarli in modo radicale.
  • Disinfettare vuol dire non solo rimuovere superficialmente lo sporco, ma eliminare i germi ed i batteri presenti sulla superficie trattata,  riducendo sensibilmente il rischio della loro diffusione.

La domanda è: se entrambi i detergenti sono efficienti e versatili, sono entrambi in grado allo stesso modo di uccidere i germi?

L' AMMONIACA

  • Risale all'antico Egitto (la sostanza chimica prende il nome dal dio Ammon), dove è stata prodotta bruciando sterco di cammello. L’ammoniaca in commercio è un composto di azoto che viene sempre diluito in una soluzione acquosa.
  • Il suo odore è più pungente rispetto alla candeggina.
  • Non è adatta per disinfettare, ma è perfetta per rimuovere a fondo lo sporco grazie alla sua azione sgrassante. Elimina con facilità l’accumulo di unto nelle vasche, nei lavandini, sulle piastrelle, sulle griglie, sulle pentole e padelle.
  • Il suo utilizzo richiede molte precauzioni. Gli ambienti dovranno essere ben ventilati; l'utilizzo dei guanti è fondamentale poichè può provocare gravi ustioni cutanee; è opportuno utilizzare anche una mascherina per proteggere naso e bocca da eventuali schizzi di soluzione.
  • Non va usata pura.

LA CANDEGGINA

La candeggina o varechina è un mix di acqua, soda caustica o lisciva (un ingrediente usato per fare il sapone) e il cloro. La differenza con l’ammoniaca, è che la candeggina la si usa comunemente come forte agente ossidante, atto a rimuovere le macchie tenaci dagli indumenti e dai tessuti. Ma la candeggina, potrebbe essere il nostro migliore amico quando si tratta di mantenere le nostre case prive di germi, perché rimuove le macchie di muffa, uccidendone i funghi, contrastando la vita e la crescita e proliferazione di reattivi.

Grazie alle proprietà ossidanti del suo principio attivo, la candeggina:

  • È efficace come sbiancante per i tessuti ed eliminare dunque le macchie più difficili senza troppa fatica.
  • È impiegata nelle pulizie per la sua azione disinfettante. Ha il potere di rimuovere i batteri in maniera efficace, grazie al cloro in essa presente.
  • Disinfetta ma non deterge, poiché non contiene tensioattivi, per questo è sempre consigliabile ricorrere a prodotti specifici per le pulizie.
  • Non deve mai essere usata insieme altre soluzioni, poichè ha un alto potere corrosivo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come ottenere il Bonus Verde per rinnovare giardino e terrazzo risparmiando

  • Come eliminare i cattivi odori della cucina in modo naturale

  • Lavatrice nuova: come scegliere il modello giusto

  • Muri portanti: come si possono modificare, che permessi servono

  • Luce e gas: scopri come evitare truffe e raggiri

  • Come pulire e igienizzare i giocattoli dei bambini

Torna su
TrevisoToday è in caricamento