Stai pensando di affittare la tua casa per le vacanze? Ottima idea!

Ospitare i turisti, comporta una serie di responsabilità. Per garantire che il loro soggiorno sia il più confortevole possibile e che il vostro alloggio soddisfi i requisiti obbligatori, è necessario essere preparati e responsabili

Possedere un’immobile e destinarlo, del tutto o in parte all’affitto e ricettività turistica, di prim’acchito è un’ottima idea. Tuttavia, mentre le entrate extra possono essere la vera spinta, le regole fiscali possono essere incredibilmente complesse. Ciò non significa che non dovresti provarlo. Significa solo che devi essere consapevole delle regole, prima di iniziare la tua “attività”.

Come considerare la proprietà

  • La tua proprietà è considerata un'attività commerciale, se usi la tua casa vacanza per 14 giorni (o meno in un anno) o meno del 10% dei giorni in cui viene affittata.
  • La tua proprietà è considerata una residenza personale, se la usi per più di 14 giorni o più del 10 percento dei giorni in cui viene affittata.

Supponiamo che tu abbia trascorso il mese di giugno (30 giorni) a casa tua. Hai superato il limite di 14 giorni. Anche se hai la fortuna di noleggiarlo per 90 giorni nel resto dell'anno, è comunque considerato una residenza personale.

Le norme- La nuova legge italiana 96/2017 per gli affitti di case vacanza

La nuova legge italiana 96/2017, approvata il 15 giugno 2017, ha introdotto alcune possibilità per le case vacanza. La nuova legge ha lo scopo di ridurre l'elusione fiscale relativa ai redditi da locazione. Ciò non ha alcun impatto sul livello fiscale, ma solo sul modo in cui le tasse vengono pagate e correttamente.

Fino al 15 giugno 2017 i proprietari stranieri erano soggetti a:

- imposte locali (imposta comunale e imposta sui rifiuti) da pagare per l'anno in corso

- Imposta governativa: il 21% del reddito locativo lordo a essere dichiarato e pagato entro giugno di ogni anno con riferimento al reddito da locazione dell'anno precedente.

L'imposta governativa è stata calcolata dal contabile italiano mentre effettuava la dichiarazione dei redditi una volta all'anno.

Con la nuova legge italiana 96/2017 del 15 giugno 2017, a partire dagli affitti dal 12 settembre 2017 l'intermediario (società di noleggio immobiliare autorizzata e portali web come Airbnb, Booking.com, ecc.) è tenuto a trattenere le imposte sul reddito locativo e trasferirle all'Agenzia delle Entrate per conto dei proprietari.

Questa nuova legge, sta cercando di evitare l'evasione fiscale di molti piccoli proprietari privati, ​​spostando la responsabilità di elusione fiscale, dal proprietario all'intermediario.

Di conseguenza, qualsiasi società di noleggio (sia italiana che straniera,) è tenuta a trasferire all'Agenzia delle Entrate, il 21% del reddito locativo lordo per conto di ciascun proprietario (questo trasferimento di denaro, deve essere fatto entro il 16 ° giorno del mese successivo, dopo il soggiorno).

Se il pagamento viene effettuato direttamente dall'ospite al proprietario, la responsabilità di pagare le tasse, rimane sul proprietario.

L'Agenzia delle Entrate italiana, ha definito il reddito lordo dell'affitto, come il prezzo totale pagato dall'ospite, che include anche tutti i costi relativi al noleggio, come elettricità, acqua, gas, biancheria, pulizie, commissioni per la società di affitto per le vacanze. Ciò significa che la tassa del 21%, si applica anche alla commissione pagata alla società di noleggio, per il servizio fornito. Nel caso in cui la commissione per la società di affitto per vacanze, non sia a carico del proprietario, ma a carico degli ospiti, può essere esclusa dal reddito locativo lordo, soggetto all'imposta del 21%.

Le nuove leggi inoltre, rendono obbligatoria la tassa di soggiorno, per le case di vacanza private. Tuttavia, la tassa di soggiorno, è applicabile solo ad alcune città specifiche in quanto decisa in autonomia dal comune di appartenenza.

Regole di base per una corretta ricettività

Gli ospiti devono essere sempre informati delle regole specifiche in ogni condominio e contesto, come ad esempio:

  • Fornire il nome del portiere (o un punto di contatto alternativo se non c'è un portiere) da contattare se necessario
  • Indicare dove si trovano le strutture per i rifiuti e le relative istruzioni per la raccolta
  • Chiedere agli ospiti di rispettare le aree comuni ed evitare di fare troppo rumore (come non trasportare i bagagli rumorosamente su e giù per le scale, non sbattere la porta, non correre su e giù per le scale, ecc.)
  • Chiedere agli ospiti di rispettare le regole del condominio, se ce ne sono o le regole del condominio.
  • E ovviamente ... esigendo il rispetto quotidiano per i vicini, invitando gli ospiti ad intrattenere rapporti di buon e civile vicinato. 

Questione raccolta differenziata dei rifiuti

Viene prodotta una quantità crescente di rifiuti, i quali devono essere gestiti in modo tale da proteggere l'ambiente, ridurre i costi di smaltimento e riciclare materiali di valore.

Da questo punto di vista, è importante fornire agli ospiti linee guida su come smaltire i rifiuti, durante il loro soggiorno nella casa per le vacanze.

Tenere presente che esistono norme nazionali e regionali sulla gestione dei rifiuti, progettate per ridurre al minimo la quantità di rifiuti non riciclabili, destinati alla discarica o alla lavorazione da parte di inceneritori o impianti di termovalorizzazione. Il recupero di tutto il materiale riutilizzabile attraverso il riciclaggio, può così essere trasformato in una fonte di ricchezza, anziché inquinamento.

Rispetto reciproco, non è il tuo parco giochi

L' Italia, è uno dei paesi più visitati al mondo e il turismo è importante. In alcune città e zone particolari, spesso la popolazione sembra quasi essere esclusivamente turistica, le cui realtà sono orientate al turista, come se fosse in un grande resort (vedi Venezia e isole). Tuttavia, non dimenticare mai che l’Italia è un paese come tutti, con circa 60.000.000 di residenti, con una propria vita e attività, che non può assolutamente essere ridotta al turismo. Come ovunque, i turisti sono ospiti, non al centro dell'attenzione: ricorda dunque sempre, sia da turista che da proprietario/ residente, di rispettare norme, diritti e doveri.

Per il piccolo business:

Air b&b

Case vacanza.it

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il design anni ’80 ritorna

  • Posso comprare o vendere una casa durante la pandemia di coronavirus?

  • Il relax Feng shui a casa

  • Come ricreare a casa il proprio ufficio

  • Il colore nel Feng shui

Torna su
TrevisoToday è in caricamento