Giovedì, 23 Settembre 2021
Ristrutturare

Come ottenere il bonus facciata e ristrutturare casa risparmiando

Chi può fare domanda, fino a quando, gli interventi ammessi, quanto si risparmia

Il Bonus Facciata è uno sconto di carattere fiscale previsto nella Legge finanziaria. Ammonta a ben il 90% dei costi sostenuti (e opportunamente documentati) per intonacare e/o verniciare la facciata di palazzi e villini ma anche rifare impianti di illuminazione e ristrutturare balconi. ringhiere, grondaie e sistemare sottotraccia cavi o realizzare decori. In attesa che l'Agenzia delle Entrate sciolga alcuni dubbi interpretativi di carattere tecnico, è sicuro che la portata del bonus è molto ampia perché comprende sia gli interventi straordinari di recupero o restauro delle facciate che l'ordinaria manutenzione.

L’agevolazione fiscale consiste in una detrazione d’imposta per interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti, di qualsiasi categoria catastale, compresi gli immobili strumentali. Gli edifici devono trovarsi nelle zone A e B, individuate dal decreto ministeriale n. 1444/1968, o in zone a queste assimilabili in base alla normativa regionale e ai regolamenti edilizi comunali.
Sono ammessi al beneficio esclusivamente gli interventi sulle strutture opache della facciata, su balconi o su ornamenti e fregi, compresi quelli di sola pulitura o tinteggiatura esterna. Il bonus non spetta, invece, per gli interventi effettuati sulle facciate interne dell’edificio, se non visibili dalla strada o da suolo ad uso pubblico.

A chi interessa
Possono usufruire dell’agevolazione tutti i contribuenti, residenti e non residenti nel territorio dello Stato, soggetti Irpef e soggetti passivi Ires, che possiedono a qualsiasi titolo l’immobile oggetto di intervento. La detrazione non spetta a chi possiede esclusivamente redditi assoggettati a tassazione separata o a imposta sostitutiva.

Quali vantaggi
La detrazione è riconosciuta nella misura del 90% delle spese documentate, sostenute nel 2020 e nel 2021 ed effettuate tramite bonifico bancario o postale. Va ripartita in 10 quote annuali costanti e di pari importo. Non sono previsti limiti massimi di spesa, né un limite massimo di detrazione.

Cos’è il bonus facciate e come avviene il rimborso

Il bonus facciate è una detrazione del 90% che può essere applicata alle spese documentate per il recupero ed il restauro delle facciate degli edifici senza limiti di spesa.

Significa che si può portare in detrazione, il rifacimento dell’intonaco ma anche un semplice lavoro di tinteggiatura. Questa norma supera anche la detrazione dell’85% applicata ai lavori combinati di riqualificazione energetica ed antisismica.

Con il bonus facciata è possibile procedere alla restaurazione dell’esterno non solo di palazzi condominiali, formati da almeno due unità abitative diverse, ma anche di case singole come ville o villette con una sola unità abitativa.

Mentre per gli interventi di restaurazione non si possono superare i 96.000 euro (nel caso dei condomini va considerata la spesa sostenuta per la singola unità), il bonus non ha alcun limite. In questo modo si possono mettere in sicurezza gli edifici e riqualificarli investendo di più, ma con rimborsi più alti.

Quando si applica il bonus fiscale

Lo sconto si applica anche alla manutenzione ordinaria. I lavori interessano tutti quegli interventi finalizzati al recupero della facciata degli edifici, come l’intonacatura, la verniciatura, il rifacimento di ringhiere, decorazioni, marmi di facciata, balconi.

A questi si vanno ad aggiungere impianti d’illuminazione, pluviali, cavi che portano il segnale televisivo. Sarà possibile dare un nuovo volto al palazzo o alla villetta tinteggiando, ma anche rinnovando i prospetti.

Tra questi non bisogna dimenticare la sostituzione dei pavimenti dei balconi, di balaustre e fregi, ma anche i canali di grondaie e tutti i sistemi di smaltimento delle acque piovane. Per migliorare la sicurezza, nel bonus sono inclusi anche i lavori per mettere sotto traccia i cavi elettrici esterni.

Inoltre, è possibile far rientrare nel bonus facciata, anche l’ammodernamento o la realizzazione di lavori per il risparmio energetico, ottenendo la detrazione del 90% anziché quella precedente che aveva come tetto massimo il 65/75% di rimborso.

Gli altri bonus

La detrazione delle facciate non è l’unica agevolazione a cui attingere se abbiamo deciso di rinnovare e dare un nuovo look alla casa. Vediamo gli altri incentivi.

La prima detrazione da prendere in considerazione è quella del bonus mobili. Per chi ha deciso di rendere la casa sempre più ecosostenibile, con un occhio al portafoglio, è possibile usufruire di una detrazione pari al 50% per le spese documentate, per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici appartenenti alla classe A+.

Se abbiamo deciso di dare un nuovo look al bagno, rendere più funzionale la camera da letto o il soggiorno, allora possiamo dare il via ai lavori perchè nel disegno di legge verrà riconfermato il bonus ristrutturazione edilizia pari al 50% che può essere associato all'ecobonus. Per i lavori di riqualificazione energetica, che comprendono l'installazione di pannelli solari, caldaie e la rimozione di tetti in amianto, si può usufruire di una detrazione che va dal 65% al 50% in base alla tipologia di lavoro e al grado di efficientamento energetico raggiunto.

Oltre a questi ci sono altre detrazioni volte alla sicurezza degli edifici, come il sismabonus che può essere usato per aumentare la sicurezza delle case nelle zone a rischio terremoto e può arrivare fino all'85% e l’ecobonus condominiale, in vigore fino al 2021 che contempla un rimborso fino al 70/75%, a seconda dei casi.

Come fare la domanda

Per quanto riguarda la domanda del bonus facciate, come avviene spesso per questa tipologia di agevolazione, non c’è una vera e propria domanda da compilare. La procedura è abbastanza semplice:

Si iniziano i lavori. Ci sarà quindi sicuramente un direttore dei lavori che effettuerà le varie comunicazioni al Comune laddove necessario;
Al termine dei lavori, i proprietari pagano il corrispettivo con un bonifico parlante, ossia un bonifico nella cui causale bisogna inserire vari dati (nome, P. Iva della ditta che ha effettuato i lavori, codice fiscale, ecc.);
La ditta emette una fattura dove è presenta l’apposita dicitura che richiama il bonus detrazione;
Nel momento in cui presenti la dichiarazione dei redditi, ossia l’anno successivo, devi consegnare al tuo consulente fiscale (Caf, commercialista, etc.) sia la fattura, sia la ricevuta del bonifico parlante. A questo punto il tuo consulente fiscale può inserire la spesa nella tua dichiarazione dei redditi e inviarla all’Agenzia delle Entrate.
Cosa succede dopo
Una volta compilata la dichiarazione dei redditi da parte del tuo consulente, di solito in primavera, tu non devi fare più nulla: devi solo attendere luglio/agosto. Verso luglio/agosto infatti ricevi il tuo rimborso,

Prodotti online per la ristrutturazione delle facciate

Grondaie

Pittura per Esterno

Pistola a Spruzzo

Piastrelle mattonelle a incastro

Gel Antiruggine

Ringhiera Balcone

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come ottenere il bonus facciata e ristrutturare casa risparmiando

TrevisoToday è in caricamento