rotate-mobile
Cronaca Cavaso del Tomba

16enne accusa di stupro l'ex di 21 anni, rischia denuncia per calunnia

Il 21enne di Cavaso del Tomba, accusato di aver violentato la ex 16enne davanti a un'amica e in carcere dai primi di gennaio, è tornato in libertà. Le accuse della minore sono state smentite dalla "super testimone"

Dipinto come un mostro e accusato di aver violentato la ex fidanzata di 16 anni, E.D., albanese 21enne di Cavaso del Tomba, finisce con il diventare da carnefice a vittima.

A inizio anno il giovane era stato arrestato dopo la denuncia sporta da una minorenne, con la quale aveva avuto una relazione, che lo accusava di averla perseguitata e violentata davanti a un'amica, perché non si rassegnava alla fine della loro storia.

Quella che non riusciva a mettersi il cuore in pace, però, sembra essere proprio la 16enne.

Il tribunale del Riesame, accogliendo le istanze della difesa, ha definito del tutto inesistenti gli indizi colpevolezza e stabilito che E.D. non sembra aver commesso quanto contestato.

La prima a smentire le gravi accuse della presunta vittima è stata proprio l'amica che avrebbe assistito alla violenza, finora mai interrogata. La giovane ha negato che l'episodio di violenza sia avvenuto davanti ai suoi occhi.

Dalle indagini è inoltre emerso che sarebbe stata la minorenne ha cercare ripetutamente al telefono l'albanese e non il contrario.

La stessa 16enne, sentita dagli inquirenti, ha ritrattato quasi del tutto la versione fornita al momento della denuncia.

Perciò il 21enne, finora in carcere per prevenire il pericolo di inquinamento delle prove e per i gravi indizi di colpevolezza, è tornato in libertà e, molto probabilmente, non si arriverà nemmeno al processo

La 16enne, invece, rischia di finire indagata per calunnia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

16enne accusa di stupro l'ex di 21 anni, rischia denuncia per calunnia

TrevisoToday è in caricamento