rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca

Ferramenta Colle, dallo spettro disoccupazione alla rinascita come Magazzino Metalli

E' la storia a lieto fine di Andrea Benvenuto e Lorenzo Mazzali, di 47 e 28 anni, ex dipendenti della storica azienda: dopo il licenziamento e la mobilità, hanno deciso di rilanciare l'attività

TREVISO Dallo spettro disoccupazione all’imprenditoria, è la storia a lieto fine di Andrea Benvenuto (47) e Lorenzo Mazzali (28), ex dipendenti di Ferramenta Colle, che dopo la chiusura della storica azienda trevigiana e la mobilità, hanno deciso di intraprendere la sfida di rilanciarne l’attività. Oggi, infatti, Andrea e Lorenzo sono titolari di Magazzino Metalli srls, magazzino di vendita all’ingrosso e al dettaglio di materiali ferrosi e non, che raccoglie l’eredità del principale e originario settore di attività della Colle, la vendita su misura di lastre e profili metallici: «La Colle era stata fondata con questo reparto e ci dispiaceva morisse così – spiega Lorenzo – soprattutto perché vedevamo che continuava ad esserci richiesta. Rispetto agli altri magazzini, che vendono lastre e profili interi, noi ci distinguiamo per il servizio di vendita su misura, come era caratteristica della Colle: vendiamo pezzi di tutte le misure, anche se ci vengono a chiedere 20 cm di ottone».

Magazzino Metalli si trova al civico 198/b di via Feltrina e occupa uno spazio di 1000 mq all’interno di un fabbricato di Gruppo Basso/Lefim. Proprio il contatto con il gruppo edile trevigiano ha rappresentato una svolta per i due imprenditori: «Abbiamo visto un cartello di affitasi, così è nato il primo contatto – racconta Andrea – avevamo da tempo questa idea prendere in mano un settore che era un po’ trascurato, ma che continuava a funzionare. La Ferramenta Colle ha chiuso nel 2014, trasferendo un ramo d’attività a quella che poi è diventata Ferramenta Ovest e che nel giro di un anno ha messo i dipendenti in mobilità. A quel punto abbiamo deciso di metterci in proprio, negoziando con Ferramenta Ovest l’acquisto del materiale e quindi trovando insieme a Gruppo Basso/Lefim la migliore soluzione per le nostre esigenze».

Magazzino Metalli è una realtà da circa un mese e mezzo e le prospettive sono più che positive: «Non è stato facile, ci siamo presi il rischio di investire la nostra indennità di mobilità per aprire l’attività – afferma Lorenzo – ma oggi siamo molto soddisfatti, c’è richiesta e riceviamo già ordini importanti. Per noi questa scelta è stata certamente un riscatto, ma siamo anche molto fieri di ereditare una tradizione trevigiana come quella di Ferramenta Colle. L’obiettivo è raggiungere nel primo anno il fatturato della Colle, per poi incrementarlo gradualmente».

«La vicenda di Magazzino Metalli rappresenta una conferma per la nostra strategia immobiliare – è il commento di Gruppo Basso/Lefim - Dopo la crisi degli ultimi anni che ha coinvolto diversi settori economici, abbiamo privilegiato imprese locali e aperto i nostri spazi all’entusiasmo di giovani imprenditori. Siamo felici di essere partner di un’azienda che ha il coraggio di raccogliere una sfida così importante. Siamo pronti a dialogare con tutte le categorie economiche per individuare delle soluzioni comuni nell’intento di rilanciare il commercio delle imprese locali».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferramenta Colle, dallo spettro disoccupazione alla rinascita come Magazzino Metalli

TrevisoToday è in caricamento