Abbandonano i rifiuti lungo la golena del Piave: incastrati dalle fototrappole

Il nuovo sistema di controllo e sorveglianza lungo le rive del Piave potrebbe portare a oltre una cinquantina di multe nella lotta agli eco-vandali. Un sistema che funziona

Foto-trappole

La battaglia contro gli ecofurbi dà i suoi primi risultati. Mentre alcuni Comuni della Marca trevigiana, compreso il capoluogo, annunciano di volersi dotare di un sistema di telecamere per pizzicare i cittadini che abbandonano i rifiuti lungo le aree periferiche della città, il Comune di San Biagio di Callalta è pronto a staccare già le prime multe.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo annunciano il sindaco Alberto Cappelletto e il Comandante della Polizia locale, Barbara Ciambotti, al termine della campagna di monitoraggio effettuata nella settimana di Ferragosto sulla golena del fiume Piave, in località Fagarè. Due le tipologie di violazione che saranno contestate: l’abbandono dei rifiuti e il transito con auto e moto in zona vietata punibili entrambe con sanzione pecuniaria che va da 100 a 500 euro. Ad oggi, mentre Comandante ed agenti di polizia locale sono ancora impegnati a visionare ore e ore di riprese, sono già dieci gli ecofurbi pizzicati e quasi una trentina coloro che non hanno rispettato il divieto di circolazione. Alla fine delle verifiche le multe potrebbero superare abbondantemente la cinquantina. «La visione delle immagini registrate durante i sette giorni a cavallo del Ferragosto – commenta il sindaco - è emblematica di un malcostume che dobbiamo assolutamente contrastare. Perché chi abbandona i rifiuti, oltre a commettere una violazione, deturpa l’ambiente, in questo caso specifico l’area golenale, che è patrimonio di tutti, e danneggia la collettività che si deve far carico poi di pagare l’asporto straordinario da parte dell’azienda di raccolta. I risultati di questa campagna, però, sono più che soddisfacenti. Mi auguro che dopo questa prima ondata di multe qualcuno cominci a ripensarci e rivede le sue cattive abitudini». Visto gli ottimi risultati della prima campagna di monitoraggio, il Comandante Ciambotti chiederà all'amministrazione di acquistare ulteriori telecamere e fototrappole così da poter potenziare la dotazione tecnologica. «Abbiamo in programma altri controlli mirati su aree già oggetto di monitoraggio. Il territorio comunale è ampio e servono strumentazioni adeguate per poter vigilare e sanzionare i comportamenti illegali» conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento