rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca Centro / Viale Cesare Battisti

Verde pubblico, addio ad altri diciassette alberi nel capoluogo

Tra lunedì 19 e venerdì 23 novembre, a Treviso, è previsto l'abbattimento di altre 17 piante, dopo la quindicina delle scorse settimane. Ma mancano i soldi per rimpiazzarle

Verde pubblico trevigiano addio. Continua lo sfoltimento della flora del capoluogo, per il bene delle piante e degli automobilisti.

ADDIO VERDE - Secondo quanto riportato da La Tribuna di Treviso, dopo il passaggio delle motoseghe su 15 alberi una decina di giorni fa, tra oggi e venerdì 23 novembre è previsto l'abbattimento di altri 17 alberi. Piante malate o pericolose per la circolazione stradale, passate sotto il controllo dei tecnici di Treviso Servizi.

LE VIE INTERESSATE - Spariranno nei prossimi giorni due pini all'incrocio tra viale Battisti e via Filzi, che limitano la visibilità agli automobilisti. Via anche tre aceri malati e un carpino nero, che non rispetta le distanze minime di legge, nel giardino della scuola Felissent.

Verranno eliminati anche un ippocastano in viale Tasso e un acero in via Plinio il Vecchio, entrambi malandati. Malati e, quindi, destinati a passare sotto la lama delle motosega anche tre aceri in via Pasteur e uno in via Ricci, quattro robinie spontanee e un olmo in via Pindaro, nei pressi delle piscine.

Per tre olmi del parco di via Rolandello, invece, solo una potatura di contenimento.

NON CI SONO SOLDI - Le piante abbattute non verrano rimpiazzate da alberi sani e a norma: mancano i soldi, spiega l'assessore ai Lavori pubblici, Giuseppe Basso, a La Tribuna.

Di sicuro non mancheranno le polemiche. A settembre, per le 13 piante rimosse in via Pinelli, i residenti affissero delle epigrafi e di recente Luigi Calesso e Anna Mirra, di Un'Altra Treviso, hanno denunciato il taglio, in dieci anni, di circa duemila piante, nessuna delle quali sostituita.

 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verde pubblico, addio ad altri diciassette alberi nel capoluogo

TrevisoToday è in caricamento