rotate-mobile
Cronaca Castelfranco Veneto

Emergenza acqua potabile, l'Ulss 8 monitora l'attività di Ats

Nei Comuni colpiti dagli allagamenti di domenica 11 novembre è possibile usare l'acqua a scopi alimentari, dopo averla bollita. Sui controlli di Alto Trevigiano Servizi vigila l'azienda sanitaria locale

Il peggio è passato, ma nella Marca flagellata dal maltempo dello scorso fine settimana si è lontani dal tornare alla normalità.

La società Alto Trevigiano Servizi informa che è possibile utilizzare l'acqua del rubinetto per scopi alimentari solo previa bollitura, mentre procedono i controlli sui requisiti di potabilità.

Sull'attività di Ats, però, veglia il Dipartimento di prevenzione dell'Ulss 8, che comprende 19 dei Comuni interessati dal nubifragio e dagli allagamenti di domenica scorsa.

Stamattina, a scopo precauzionale, i tecnici dell'Ulss 8 hanno eseguito prelievi di acqua ad Altivole, Castelfranco Veneto, Trevignano e Vedelago, che confinano con l'area già monitorata dall'Ats, allo scopo di verificare la potabilità delle acque. I risultati provvisori dei prelievi saranno disponibili nelle prossime 24 ore.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza acqua potabile, l'Ulss 8 monitora l'attività di Ats

TrevisoToday è in caricamento