Vittorio Veneto non rinuncia alla tradizione: tornano albero e presepe

Ai giardini torna l'albero di Natale e le statue del presepe animeranno viale della Vittoria. A dispetto della crisi di Comune di Vittorio Veneto vuole tenere vivo lo spirito natalizio

“Per non spegnere il morale della città”, questo il motto dell’Amministrazione comunale che, con un investimento contenuto, ha voluto tenere viva la tradizione del Natale nonostante la crisi.

In collaborazione con la Confartigianato è in fase di addobbo, tempo permettendo, il grande cedro centenario che domina i giardini. Per decorarlo saranno utilizzate nuove luminarie e tutto sarà a norma di legge e in sicurezza.

Oltre all'albero, sulle aiuole dei giardini lungo viale della Vittoria sarà allestito anche il tradizionale presepe, con statue lignee nuove, e per la zona di Ceneda, come lo scorso anno, sarà illuminato il museo della Battaglia, nonostante il cantiere.

“Abbiamo acquistato i proiettori e ora si rende possibile dare un tocco di luce e immagini abbinate all’occasione non solo a Natale, ma anche in altre ricorrenze e nelle zone che riterremo idonee. – spiega l’assessore alle Attività Produttive Mario Rosset – Il ritorno all’albero di Natale dei Giardini vuole essere una dovuta attenzione al simbolo delle festività”.

“Vogliamo fare Natale con i cittadini, con sobrietà, e nel rinnovo delle nostre tradizioni - spiega il sindaco Da Re che ha voluto queste iniziative - abbiamo investito per non far mancare un segno di positività e di speranza in questi tempi duri per tutti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Allarme rosso per il livello del Piave: ordinati gli sgomberi delle golene

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

  • Chiama la polizia per far multare le auto in sosta, ma alla fine a essere sanzionato è lui

Torna su
TrevisoToday è in caricamento