menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una foto a margine dell'incontro

Una foto a margine dell'incontro

Adunata del Piave 2017: innumerevoli le ricadute economiche e sociali per il territorio

Alloggi, bar, trasporti, commercio al dettaglio e anche l'industria agroalimentare: questi i settori che gioveranno maggiormente dalla venuta nella Marca delle "Penne Nere"

TREVISO L’Adunata annuale degli Alpini ha un effetto travolgente sulle città ospitanti. Per una settimana le città cambiano volto, le persone si trasformano in un clima di euforia collettiva in cui prevale l’allegria e il senso di accoglienza. Ma l’evento è anche una manifestazione di elevata rilevanza economica.

La Camera di Commercio di Treviso-Belluno insieme al Comitato Organizzatore dell’Adunata del Piave-Treviso 2017 ha organizzato venerdì pomeriggio nel palazzo di piazza Borsa un convegno proprio per capire “Prospettive e valorizzazione di impatto socio-economico” di questo appuntamento nel territorio ospitante. Oltre a Treviso, sono coinvolte le Sezioni ANA di Conegliano, Valdobbiadene, Vittorio Veneto. Il primo saluto è stato quello del presidente CCIAA Mario Pozza: ”Ho voluto personalmente questo convegno qui in Camera di Commercio perché nella durata di soli tre giorni la città e le sue attività d’impresa vengono coinvolte in un evento altamente pervasivo. Le strutture ricettive, gli alberghi  e gli agriturismi, gli esercizi commerciali, l’artigianato, la piccola e grande impresa, il commercio al dettaglio, specialmente nell'ambito agroalimentare, hanno un’importante occasione di business e di promozione delle proprie realtà imprenditoriali. Il compito della Camera di Commercio è anche questo, di rendere consapevole il sistema impresa affinché sappia  afferrare le opportunità offerte da questo evento voluto a Treviso per accogliere e promuovere il nostro territorio e le nostre imprese”.

Dopo i saluti dell’assessore alla Cultura del Comune di Treviso Luciano Franchin, del consigliere provinciale e delegato alla Cultura Roberto Fava, del presidente Sezione ANA di Treviso Raffaele Panno, l’introduzione ai lavori è stata affidata al presidente COA Luigi Cailotto che ha sottolineato “la rilevanza dell’indagine condotta dall’Università Cattolica di Piacenza durante l’Adunata del 2013, con l’obiettivo  di quantificare le dimensioni economiche dell’evento, l’impatto sul territorio e sulla popolazione”. I dati sono stati illustrati dai professori Paolo Rizzi e Antonio Dallara, mentre Marzio Bodria responsabile Marketing dell’Adunata, ha fatto capire come e quanto questo evento possa fungere da “driver” (motore di sviluppo) di promozione del territorio. Attraverso questionari diretti ad un campione rappresentativo di Alpini che hanno partecipato all’Adunata piacentina, si sono così potuti calcolare i principali indicatori di partecipazione e impatto socio-economico: oltre 342 mila partecipanti non residenti, di cui circa 79 mila Alpini e 263 mila accompagnatori, parenti e amici. Le persone sono rimaste sul territorio piacentino per 2,6 giorni in media, pernottando in tenda o camper (oltre il 30%), in albergo (19%), in palestre o capannoni (11%), quindi in altre strutture ricettive, presso amici, parrocchie, centri sportivi, sedi di associazioni. La maggior parte dei partecipanti ha dormito in provincia di Piacenza (64%), in seconda battuta nelle province limitrofe come Parma, Lodi e Pavia o in quelle di residenza, soprattutto chi è arrivato direttamente il giorno della sfilata. La spesa personale sostenuta durante i giorni dell’Adunata, escludendo le spese di viaggio, è pari a circa 132 euro.

Attraverso un modello input-output, fondato su una tavola intersettoriale bi-regionale Piacenza – Resto d’Italia, si è potuta così stimare la spesa totale diretta effettuata dai partecipanti all’Adunata, pari a circa 42,5 milioni di euro nel territorio piacentino e 14 milioni di euro fuori Piacenza per un totale di 56,5 milioni di euro. Ma questa spesa diretta ha innescato ricadute indirette sul sistema economico del valore di 28 milioni di euro sulle imprese piacentine e di 35 milioni di euro per le imprese esterne. L’impatto economico complessivo dell’Adunata ha così raggiunto la cifra di 120 milioni di euro, di cui 70 milioni nella provincia di Piacenza e 50 milioni nel resto d’Italia. Si sono così innescati “circoli virtuosi” di produzione che hanno generato nuova ricchezza, nuova occupazione temporanea, nuovi redditi.

I principali settori produttivi beneficiari delle ricadute sul territorio provinciale, considerando sia gli effetti diretti che quelli indiretti, risultano: alloggi, bar e ristorazione con il 48% delle ricadute locali, pari a 34 milioni di euro; il commercio al dettaglio con il 13% delle ricadute locali, pari a 9,2 milioni; i trasporti con il 4,1% delle ricadute locali, pari a 2,9 milioni e l'ndustria agroalimentare col 3,9% delle ricadute locali, pari a 2,8 milioni. Considerando invece i settori produttivi al di fuori della provincia di Piacenza, i maggiori beneficiari delle spese innescate dall’Adunata sono i seguenti: il commercio al dettaglio (che ha beneficiato del 15,7% delle ricadute esterne a Piacenza, pari a 7,7 milioni di euro dei 49,2 ricaduti al di fuori della provincia); i trasporti (13,1% delle ricadute esterne, pari a 6,4 milioni di euro dei 49,2); l'industria agroalimentare (10,7% delle ricadute esterne, 5,3 milioni di euro) e alloggi, bar e ristorazione (che hanno ricevuto il 7,5 per cento delle ricadute esterne a Piacenza, pari a circa 3,7 milioni di euro dei 49,2 milioni di cui ha beneficiato complessivamente il resto d’Italia). L’indagine scientifica trova riscontro concreto nelle parole di due importanti sponsor dell’Adunata del Piave: Giorgio Caballlini di Sassoferrato presidente del Consiglio di amministrazione e amministratore delegato Dersut Caffè spa e Giovanni Ravaglioli Channel Activation Manager Heineken Italia.

Tornando all’indagine, una parte rilevante è occupata dal “sentire” della popolazione locale nei confronti dell’evento: il giudizio che più appare entusiastico è quello relativo al contributo riconosciuto agli Alpini in termini di valori testimoniati e quindi di impatto culturale e sociale. Il valore principale incarnato dalle penne nere è quello dell’allegria (90% di molto), seguito dalla fratellanza (73,1%) e dall’amore per la patria (68,4%). L’analisi evidenzia in conclusione un impatto economico davvero rilevante, ma soprattutto la trasmissione di valori positivi, capaci di contribuire a rafforzare il senso comunitario e lo spirito di accoglienza e umanità di una città.

LE AUTORITA' PRESENTI - Franco Rosi presidente del Consiglio comunale di Treviso, in rappresentanza del comandante Vigili del Fuoco Giuseppe Quinto, presidente Consorzio Marca Treviso Gianni Garatti e direttore Alessandro Martini, rappresentanti delle associazioni di categoria Unindustria, Ascom-Confcommercio, Coldiretti, Unindustria, Confartigianato. ALPINI: consiglieri nazionali e membri COA Treviso 2017 generale Renato Genovese, Michele Dal Paos, Nino Geronazzo già presidente di 5 COA, presidenti Sezioni ANA (oltre Tv) Conegliano Giuseppe Benedetti, Valdobbiadene Valentino Baron, Vittorio Veneto Francesco Introvigne. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Notizie

Bollo auto 2021: il Veneto proroga la scadenza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento