«No allarmismi, ma non abbassiamo la guardia: solo lo 0,03% dei positivi ha sintomi»

Lo ha sottolineato il Governatore Zaia nel corso di un punto stampa dalla sede della protezione civile di Marghera. Il virus importato dall'estero incide per il 55% del totale

«Il virus c'è, non bisogna abbassare la guardia, ma i dati che abbiamo rispetto all'impatto sanitario sono comunque positivi». Con queste parole il Presidente della Regione Luca Zaia ha voluto scansare gli allarmismi sulla situazione Coronavirus in Veneto. Nel corso del punto stampa di oggi dalla sede della protezione civile di Marghera, infatti, il governatore ha sottolineato che solo lo 0,03% delle persone attualmente positive stanno male (presentano sintomi, ndr). Ad oggi, come sottolineato da Zaia, sono 5 le persone ricoverate in terapia intensiva, a differenza dei 51 del 18 maggio, la data «che consideriamo della riapertura».

Il quadro Coronavirus in Veneto

Negli ultimi 3 mesi, nel territorio regionale, sono stati registrati 22 nuovi positivi di media al giorno in Veneto. Tra questi positivi, come sottolineato dal Governatore, c'è un'incidenza del 55% dei casi di rientro. Delle persone provenienti dall'estero e sottoposte a tampone obbligatorio negli ultimi giorni, solo il 2,6 permille sarebbe risultato positivo. «L'incidenza è dunque minima - ha continuato Zaia - ma bisogna comunque continuare ad essere prudenti».

Inoltre, su 1 mln e 380mila tamponi effettuati in Veneto i positivi sono 21.256 positivi (dall'inizio della pandemia) di cui 1.634 attualmente positivi. Per quanto riguarda gli isolati invece sono oggi, lunedì 17 agosto, 6.394 di cui positivi solo 25,55%. Gli ospedali sono "in salute", sono infatti solo 119 i ricoverati e 5 in Terapia intensiva. Per quanto riguarda, invece, i tamponi effettuati ai vacanzieri in rientro da Grecia, Malta, Spagna e Croazia sono 37 i positivi tra gli oltre 13mila tamponi effettuati in due giorni ( il 2,6 per mille). Infine, sulla chiusura delle discoteche il presidente del Veneto sottolinea come, in fase di dibattito con il governo centrale, abbia chiesto quantomeno che gli esercenti vengano ristorati a seguito della serrata: "Non vorrei che qualcuno che si fosse messo l'anima in pace così". Per quanto riguarda il ritorno all'obbligo delle mascherine: «L'orario delle 18 è stato individuato comequello degli assembramenti».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nelle acque del Sile, fugge in treno e lo ritrovano a Bassano

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

  • Tragedia di Merlengo, il 26enne aveva bevuto: indagato per omicidio stradale

  • Tragico schianto col furgone nella notte: 62enne muore a pochi metri da casa

  • Distributore di bevande trovato morto nel suo camion

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento