Aggressione a Cornuda, il 63enne si aggrava e torna in coma farmacologico

Nel fine settimana i medici avevano provato a risvegliarlo bloccando la sedazione ma dopo poche ore le sue condizioni si sono nuovamente riaggravate

La casa dove sono avvenuti i fatti in Via Manzoni

Venerdì avevano provato a risvegliarlo bloccando la sedazione ma verso sera le sue condizioni si sono nuovamente riaggravate. V.G., il 63enne che due settimane fa  avrebbe legato minacciato di bruciare vivo M.A, 20enne di Quero (Belluno), è tornato quindi in terapia intensiva. Gli e' stato indotto ancora il coma farmacologico ed è stato intubato. I sanitari hanno tentato di riportarlo in stato di coscienza venerdì pomeriggio. Ma dopo un paio d'ore l'uomo ha avuto una crisi ed è tornato nel reparto di terapia intensiva da dove era uscito solo qualche ora prima. Resta quindi il mistero sul quanto successo nell'appartamento di Via Manzoni, dopo che il 20enne presunta vittima ha raccontato  l'orrore di un tentativo di stupro. Si è difeso il ragazzo, sebbene cosparso con liquido infiammabile, con un grosso oggetto che ha spaccato sulla testa dell'anziano, trovato tramortito. Un colpo talmente forte da fare sì che le condizioni del 63enne  rimangano gravi.

Secondo la versione di M.A la notte dell'aggressione  ha avuto un contatto via WhatsApp con un amico. Poi il suo telefono è rimasto muto anche il giorno dopo, giovedì. «Mercoledì mattina sono passato da lui per vedere come stava. Ero stanco e ho deciso di dormire un po'. A quel punto lui ne ha approfittato: mi ha legato i polsi e le caviglie e mi ha spogliato. Sono rimasto senza cibo né acqua legato a una sedia. Mercoledì sera mi ha obbligato a scrivere ai miei genitori che ero a Jesolo con una amica e che sarei rimasto a dormire fuori, poi lo ha rifatto il giorno dopo. Mi voleva violentare e mi diceva che se avessi provato a chiedere aiuto mi avrebbe bruciato vivo, dopo aver cosparso tutto il mio corpo con la benzina».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunce

  • Covid, Zaia: «Treviso è in area critica per i ricoveri ospedalieri»

  • Schianto tra camion, chiuso il tratto Portogruaro-San Stino della A4

Torna su
TrevisoToday è in caricamento