menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giovani sul tagadà (Foto d'archivio)

Giovani sul tagadà (Foto d'archivio)

Prova a fermare una lite: adolescente viene pestato a sangue sul tagadà

Grave aggressione nel pomeriggio di domenica alla sagra di San Tiziano a Vittorio Veneto. Un branco di minorenni ha picchiato e minacciato un diciassettenne vittoriese

Un tranquillo pomeriggio alle giostre si è trasformato in un vero e proprio incubo per un adolescente di Vittorio Veneto, vittima di una brutale aggressione da parte di un gruppo di minorenni durante i festeggiamenti per la sagra di San Tiziano.

Come riportato da "Il Gazzettino di Treviso", erano da poco passate le ore 18 di domenica 13 gennaio quando lo studente diciassettenne ha provato a fermare due coetanei che sembrava si stessero picchiando sulla giostra del tagadà. «Smettetela ragazzi» avrebbe detto il diciassettenne vittoriese ma i due litiganti non hanno preso bene l'invito del ragazzino e, con la giostra ancora in movimento, hanno iniziato a spintonarlo, facendolo cadere a terra. Ancora stordito per l'accaduto, il ragazzino aggredito ha provato ad allontanarsi dalla giostra una volta finito il giro sul tagadà ma uno dei due giovani aggressori lo ha raggiunto tirandogli una testata in faccia e fratturandogli il setto nasale. Il diciassettenne, che si trovava in compagnia di un amico, ha capito che la situazione stava degenerando e, con il naso insanguinato, ha provato a fuggire. A quel punto i due aggressori, spalleggiati da un altro gruppo di adolescenti, hanno inseguito i due giovani malcapitati e li hanno raggiunti all'altezza del seminario di Vittorio Veneto dove hanno ripreso a picchiarli. Provvidenziale l'intervento di un anziano che ha messo in fuga il branco di bulli. Secondo quanto riportato dai carabinieri intervenuti su richiesta dei genitori del ragazzo picchiato, il principale responsabile dell'aggressione sarebbe un ragazzino di origine marocchina, residente nel coneglianese e già noto alle forze dell’ordine. Sarebbe stato lui a colpire con una testata il diciassettenne, picchiandolo anche nelle vicinanze del seminario. I genitori del ragazzo hanno deciso di sporgere querela per le lesioni riportate dal figlio non appena sarà disponibile il referto medico con tutti i dati sulle ferite riportate dal giovane nell'aggressione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento