menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mistero a Lecce, albanese trovato morto: voleva far visita al fratello a Treviso

Il giovane, 25 anni, era scomparso il 24 novembre scorso. Ai familiari aveva detto di voler raggiungere il fratello che vive nella Marca trevigiana

Sarebbe dovuto andare a Treviso a trovare il fratello, invece è stato ritrovato cadavere sulla spiaggia di Torre Veneri (LE). La vittima, 25 anni, è M.Y. originario di Croia, in Albania.

A riportare la notizia è LeccePrima. I parenti del giovane avevano perso le sue tracce dalla sera dello scorso 24 novembre. Secondo quanto da loro riferito M.Y. voleva raggiungere l'Italia per recarsi dal fratello, che vive nella Marca trevigiana. Il suo viaggio, però, si è interrotto a Lecce.

Il suo corpo è stato rinvenuto nella tarda mattinata di domenica, in avanzato stato di decomposizione, da un uomo che stava passeggiando. Il collo e la testa erano completamente scarnificati, la mandibola non c'era più. A rivelare la sua identità i documenti che aveva con sé, ancora leggibili: carta d'identità, passaporto e patente, ma gli inquirenti attendono l'esito dell'esame del Dna, confrontato con quello dei familiari, per avere la certezza che si tratti del 25enne albanese.

Nelle tasche dei suoi jeans, insieme ai documenti, due biglietti da visita di ristoranti, uno di Roma e l'altro di Firenze, sui quali la vittima aveva annotato degli appunti, ora al vaglio degli investigatori.

Per sapere cosa sia successo a M.Y. durante il suo viaggio verso Nord bisognerà attendere l'esame autoptico, che tuttavia sarà reso difficile dallo stato del cadavere, scarnificato e decomposto dalla lunga permanenza in acqua.

Gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi. La più accreditata è che il 25enne possa aver trovato la morte nella traversata lungo il Canale d'Otranto, magari durante una fuga.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento