Cronaca

Suonano il citofono prima di un furto: allerta ladri a Preganziol

Torna la paura tra gli abitanti di San Trovaso, colpiti da una nuova serie di tentati furti innescata dal comportamento sospetto di alcuni individui

PREGANZIOL- Con la scusa di chiedere qualche euro di elemosina suonavano ai campanelli di molte abitazioni, ma in realtà osservavano gli spostamenti dei residenti per compiere una serie di furti nelle loro case. Torna la preoccupazione a San Trovaso dopo una serie di tentati furti nella zona di via Silvio Pellico. I residenti hanno chiamato i carabinieri insospettiti dal comportamento di una donna di origine straniera, con lunghi capelli scuri, vista aggirarsi tra via Franchetti e via Taliercio con la scusa di chiedere qualche spicciolo andando di casa in casa poche ore prima del tentato furto.

E questo non sarebbe l'unico caso: nei giorni precedenti infatti, alcuni cittadini avevano segnalato la presenza di un gruppo di individui sospetti a bordo di una Punto nera con cui perlustravano la zona, fermandosi a sbirciare dentro alle finestre di molte case, a detta di alcuni testimoni. Ora la preoccupazione dei residenti è quella che questi individui usino le loro strategie per studiare meglio gli obiettivi da colpire, osservando orari e movimenti per poi introdursi nelle case a colpo sicuro. Sulla faccenda indagano i carabinieri di Preganziol che hanno tenuto conto delle molte segnalazioni ricevute e ora proveranno ad arginare questo preoccupante fenomeno criminale, raccomandandosi con i cittadini di non dare confidenza a sconosciuti e di continuare a segnalare ogni possibile movimento sospetto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Suonano il citofono prima di un furto: allerta ladri a Preganziol

TrevisoToday è in caricamento