rotate-mobile
Mercoledì, 1 Febbraio 2023
Cronaca Vittorio Veneto

Doppio evento aspettando il "Triveneto del centenario"

Giovedì 26 ottobre a Colle Umberto la marcia “da Caporetto al Piave” mentre domenica 29 grande rappresentazione teatrale a Vittorio Veneto

VITTORIO VENETO Non si ferma l’attività del Comitato organizzatore del raduno Triveneto degli alpini 2018 presieduto dal Presidente della Sezione di Vittorio Veneto Francesco Introvigne. In attesa della prossima presentazione pubblica di tutti gli eventi che ci accompagneranno nell’attesa della “tre giorni alpina” dal 15 al 17 giugno 2018, anche questo mese di ottobre vedrà gli alpini protagonisti con due nuovi appuntamenti nell’ambito di "Aspettando il Raduno Triveneto”.

Il primo sarà la "MARCIA DI CAPORETTO", e avrà luogo giovedì 26 ottobre 2017 a Colle Umberto: protagoniste saranno le "SENTINELLE DEL LAGAZUOI", associazione culturale di rievocazione storica, che in quei giorni ripercorreranno la strada da Caporetto al Piave, le strade della ritirata, partendo da Cividale del Friuli. Colle Umberto sarà per loro la penultima tappa, vi transiteranno prima dell’arrivo sul Piave e si fermeranno a Colle Umberto per la notte, proprio come durante quei tragici giorni, esattamente cento anni fa. L’arrivo della “colonna” rigorosamente in divisa d’epoca è previsto giovedì 26 ottobre per le 17.45 davanti al Monumento ai Caduti di Colle Umberto. Qui gli alpini della sezione parteciperanno alla  Cerimonia della Resa degli Onori ai Caduti, l’ammaina bandiera e quindi nella sede del Gruppo di Colle Umberto il coro Mesulano intratterà con alcuni canti della Grande Guerra.

Il secondo appuntamento, di grande spessore culturale, organizzato dal Coat sarà subito a ridosso, domenica 29 ottobre: alle 17 in collaborazione con l’Accademia Teatrale Lorenzo Da Ponte di Vittorio Veneto, diretta da Edoardo Fainello al Teatro Da Ponte ci sarà una vera prima dello spettacolo “4 colpi alla Porta”,  che servirà a rievocare e ricordare i tragici momenti della ritirata e quella guerra. Nei paesi feriti del nostro territorio le conseguenze erano pesanti anche per chi era rimasto:  le donne, madri, sorelle, moglie, amanti, anche prostitute. Uno spaccato di storia e vita, come recita la presentazione, conscio che  “Questa guerra non risparmia nessuno, folle e assurda, uguale a tutte le guerre di sempre. Ma qualcuno deve pur continuare a ricordare, qualcuno gli occhi aperti li deve tenere, qualcuno il viso non lo deve voltare”. Tutto da vedere e apprezzare: la rappresentazione “4 Colpi alla Porta” è uno spettacolo teatrale di Irene Casagrande, con Irene Casagrande , Silvia Danieli, Margherita De Luca e Silvio Pasqualetto. Regia di Irene Casagrande.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Doppio evento aspettando il "Triveneto del centenario"

TrevisoToday è in caricamento