rotate-mobile
Cronaca Vazzola

Antichi vitigni armeni piantumati nei campi di Vazzola

Scambio di conoscenze tra la Provincia di Treviso e l'Armenia. A Vazzola saranno piantumate 900 viti di vino Arenì, proveniente dal Paese mediorientale. La cerimonia di presentazione del progetto si è tenuta venerdì 13 luglio

Novecento viti di vino Arenì proveniente dall'Armenia e piantumate di fronte alla Cantina Sociale di Tezze di Piave. L'iniziativa, presentata venerdì 13 luglio scorso, rientra nell'ambito del progetto “Treviso per l'Armenia”.

Il progetto prevede l'applicazione delle più avanzate tecnologie per la coltivazione degli antichi vitigni armeni Arenì nel territorio della Provincia di Treviso con successiva vinificazione delle uve prodotte alla Scuola Enologica Cerletti di Conegliano. Parallelamente, in territorio armeno verrà coltivato il Raboso Piave DOCG e la sua vinificazione secondo i tradizionali metodi armeni e l'antichissimo sistema di maturazione del vino in anfore.

Venerdì, alla piantumazione, hanno partecipato il presidente della Provincia di Treviso, Leonardo Muraro, il vicepresidente e assessore al Turismo, Floriano Zambon, il sindaco di Vazzola, Maurizio Bonotto, il referente del progetto “Treviso per l'Armenia”, Mario Bergamo e l'agricoltore Flavio Marcon che, per conto della Cantina Sociale del presidente Lucan, seguirà le piante.

“Si tratta di un progetto di cooperazione internazionale che consentirà grandi scambi di conoscenze tra Treviso e l'Armenia, una delle culle della civilità cristiana – ha spiegato Muraro – Rappresenta però anche l'occasione per instaurare importanti scambi commerciali per i nostri imprenditori, rivolti all'Armenia ma anche alla Russia”.

 “Si tratta del vitigno del quale si ha la più antica testimonianza – ha dichiarato Bergamo – tipico soltanto della zona armena intorno al monte Ararat. Con questa iniziativa si chiude il progetto ma siamo certi che i rapporti instaurati non finiranno”.

Il progetto “Treviso per l'Armenia” è un'iniziativa di cooperazione internazionale che vede la Provincia di Treviso come capofila assieme a partner come Scuola Enologica “Cerletti” Istituto di Ricerca CRA-VIT di Conegliano, Congregazione Mechitarista Armena dell'Isola di San Lazzaro (VE), Confraternita Raboso del Piave, Comune di Vazzola, Unindustria Treviso, Fondazione Civiltas Yerevan Armenia, The Mekhitarist Center of Armenia (Yerevan, Armenia), Armenian Scientific Centre viticulture, fruit-growing and wine making (Merzdavan, Armenia), Armenian Wine Consortium (Yerevan, Armenia), EDVAG Group (Yerevan, Armenia), Regione del Vayots Dzor (Armenia), Armenian Trade Network.

L'obiettivo generale del progetto è quello di sostenere lo sviluppo della vitivinicoltura nella regione armena dello Vayots Dzor e la vicina Valle dell'Ararat, attraverso un percorso formativo professionale, a favore di alcuni operatori del settore vitivinicolo, volto nel breve/medio termine all'acquisizione di conoscenze nel settore e nel lungo periodo all'innalzamento degli standard di qualità della produzione vitivinicola, oltre al riposizionamento della regione vitivinicola interessata nel mercato internazionale del vino.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Antichi vitigni armeni piantumati nei campi di Vazzola

TrevisoToday è in caricamento