Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca

Muore in ospedale a 73 anni: la Procura apre un'indagine

La salma di Graziella Delicato, 73enne deceduta il 14 dicembre al Ca' Foncello di Treviso, sarà sottoposta a un'autopsia per volere dei figli che hanno presentato un esposto in Procura

«Non è stata sottoposta alle cure appropriate». Questo scrivono in un esposto presentato alla Procura della Repubblica di Treviso i figli di Graziella Delicato, la 73enne deceduta lo scorso 14 dicembre al Ca' Foncello di Treviso per una grave insufficienza renale e un'improvvisa sepsi.

Il sostituto procuratore Daniela Brunetti ha disposto oggi il sequestro della salma e l'autopsia sul corpo della donna. Originaria di Tolmezzo ma residente ad Annone Veneto, Graziella Dedicato era stata ricoverata all'ospedale di Portogruaro il 29 ottobre scorso. Nell'ospedale veneziano le era stata diagnostica una forma grave e acuta di insufficienza renale e il 18 novembre si era deciso il trasferimento nel reparto di nefrologia dell'ospedale di Treviso. Le condizioni della 73enne, che non avrebbe sofferto di altre patologie e che in passato non aveva mai avuto problemi ai reni, rimangono stabili fino al 12 dicembre anche se a detta dei sanitari la donna non avrebbe risposto alla terapia farmacologica. Poi il quadro clinico si aggrava: il 12 dicembre la Delicato lamenta un improvviso peggioramento provocato da una infezione che si diffonde in tutti gli organi. Il fisico debilitato fatica a reagire alla sepsi malgrado il trasferimento in terapia intensiva e due giorni dopo il suo cuore cessa di battere. Ora i figli vogliono sapere il perché della morte della madre e hanno presentato una denuncia contro ignoti, in cui lamentano come come le cure a cui è stata sottoposta la donna non sarebbero state quelle appropriate, né a Treviso né a Portogruaro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muore in ospedale a 73 anni: la Procura apre un'indagine

TrevisoToday è in caricamento