Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

Anziana truffata a Treviso: finto dipendente statale spilla 300 euro

La donna è stata avvicinata da un "dipendente" della Zecca dello Stato che le ha chiesto di controllare del denaro per verificarne la regolarità

TREVISO - Ancora truffe a Treviso e ancora una volta a rimanerne vittime sono gli anziani. Questa volta a cadere nella rete dei malviventi è stata una 74enne italiana residente nella periferia trevigiana che mercoledì verso le 12 è stata avvicinata da un sedicente dipendente della Zecca di Stato.

Come riportano i quotidiani locali infatti, l'uomo con un semplice stratagemma si sarebbe fatto aprire la porta di casa dell'anziana e una volta all'interno le avrebbe chiesto di mostrargli il denaro contante che possedeva per poterne controllare la validità visto che negli ultimi tempi, a suo dire, sono molte le banconote false in circolazione, tanto che lo stesso Stato italiano cerca di arginare tale fenomeno grazie ai controlli sul posto dei propri dipendenti.

Nulla ha fatto quindi presagire alla donna cosa sarebbe successo di li a poco, fidandosi infatti ciecamente del giovanotto che si trovava nel suo salotto. Difatti dopo alcuni minuti di chiacchierata il sedicente controllore ha scovato quella che sembrava essere proprio una banconota falsificata e ha chiesto perciò alla signora di alzarsi per recuperare il libretto della pensione e verificarne il contenuto, operazione che la donna subito compie, ma nel frattempo l'uomo ha recuperato i circa 300 euro sul tavolo èd è uscito di casa prima che lei potesse tornare nella stanza. A quel punto per l'anziana è stato inevitabile capire di essere stata truffata e non ha potuto fare altro che chiamare la polizia, che ora indaga sul fatto, e sporgere denuncia contro ignoti per truffa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anziana truffata a Treviso: finto dipendente statale spilla 300 euro

TrevisoToday è in caricamento