menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inversione di tendenza in poco meno di un anno a Treviso: +9.7 % di attività aperte

Il sindaco Manildo: "A giocare un ruolo di primo piano nell'ambito di questa ripresa è stata la rinascita culturale, dagli eventi stagionali alle esposizioni, che Treviso sta conoscendo"

TREVISO Treviso ‘apre’. A dirlo un’indagine condotta dal progetto Urbecom tra il 2015 e il 2016. In particolare a luglio 2015 era stato effettuato nel centro storico un censimento dettagliato sugli immobili commerciali chiusi. Il risultato che ne è scaturito era di oltre 170 negozi chiusi ed un trend progressivo, rispetto agli anni precedenti, negativo a doppia cifra.

A dicembre 2015 il trend dei negozi, al netto delle chiusure è stato invertito registrando finalmente il segno più del 7,1% rispetto al 1 luglio 2015, in cui i pubblici esercizi, intesi come somministrazione, sono cresciuti in termini percentuale in misura leggermente maggiore rispetto agli esercizi di vicinato.

Quindi non soltanto il trend negativo si è arrestato ma si è completamente invertito continuando ad essere positivo anche i primi mesi del 2016, facendo registrare a marzo un ulteriore aumento del 2,4% rispetto a dicembre 2015. Sostanzialmente dal 1 luglio 2015 al 22 marzo 2016 gli esercizi di vicinato sono cresciuti del 8,4% e i pubblici esercizi del 14,4% con una media complessiva del 9,7%.

“Un’inversione di tendenza che è davvero incoraggiante – commenta il sindaco di Treviso Giovanni Manildo – in poco meno di un anno sono stati un’ottantina i negozi che hanno aperto. Questo ci dice che la nostra città è stata capace e, vogliamo lo sia sempre di più, di attrarre tanti imprenditori che hanno voglia di scommettere e investire proprio a Treviso."

"E certamente a giocare un ruolo di primo piano nell’ambito di questa ripresa è stata la rinascita culturale, dagli eventi stagionali alle esposizioni, che Treviso sta conoscendo. Le grandi mostre ospitate nei musei della città, gli itinerari turistici, le visite guidate e tutto quanto ruota intorno alla cultura ha quest’anno entusiasmato migliaia di visitatori, destinati a crescere come destinata a crescere ulteriormente è l’offerta culturale già programmata.Il lavoro di regia fatto dall’amministrazione, tra gli interpreti di questa rinascita, ci sta indubbiamente premiando”.

“I grandi eventi programmati hanno assunto e continuano ad assumere un’importanza e un richiamo sempre maggiore, così che Treviso Fior di Città; Treviso d’estate; Treviso Creativa, Suoni di Marca, Home festival  e Treviso Cuor di Natale sono diventati eventi rodati che portano in città migliaia e migliaia di persone, e che crescono costantemente di anno in anno – dichiara l’assessore alla crescita e allo sviluppo Paolo Camolei – Così come crescono le richieste di ulteriori nuove e positive iniziative da attuare in centro storico, alcune delle quali saranno già inserite nella programmazione del 2016".

“Nonostante la congiuntura economica nazionale non sia cambiata molto, a Treviso si reagisce positivamente  - dichiara il manager del distretto Aldo Pellegrino - Il contesto nazionale e temporale ovviamente influenza la vita economica del capoluogo però la città reagisce e lo fa giocandosi le proprie carte, scommettendo sulle proprie risorse, oggettive e soggettive. Il commercio è cambiato, il paese è cambiato e chi non si evolve, non reagisce, è destinato a soccombere, a chiudere la propria attività."

"Urbecom funziona e contribuisce a dare frutti positivi. Nel caso specifico e stato effettuato un lavoro certosino ma significativo. Dopo aver effettuato un’attenta analisi sulla situazione di fatto e sulle potenzialità, abbiamo parlato con tutti gli attori coinvolti, dai singoli imprenditori e proprietà immobiliari a tutte le agenzie immobiliari presenti. Tanti nuovi imprenditori si sono voluti mettere in gioco, scommettendo su un loro sogno e sulla città di Treviso."

"Sono stato sommerso da mail e conseguenti appuntamenti per confronti sulle location più indicate rispetto all’attività da insediare, sulla tipologia merceologica e la conseguente resa ipotizzata, sulla verifica della migliore sostenibilità economica del progetto e sulle procedure da seguire per poter effettuare una ristrutturazione e conseguente apertura di un nuovo negozio”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Il peso cambia da un giorno all'altro, perchè?

Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento