menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il municipio di Treviso

Il municipio di Treviso

Treviso, approvato il bilancio di previsione ma calano le risorse

Rispetto ai 131 milioni del 2013 nel 2014 la giunta potrà contare su risorse per 115milioni, con una flessione di 16 milioni di euro

treviso - Calano le risorse del bilancio comunale. Rispetto ai 131 milioni del 2013 nel 2014 la giunta, che mercoledì mattina ha approvato il bilancio di previsione, potrà contare su risorse per 115milioni, con una flessione di 16 milioni rispetto all’anno precedente. Questo a causa di una notevole riduzione, da un lato dei trasferimenti statali e dall’altro delle entrate tributarie.

Sul fronte delle entrate, le tributarie sono passate da 50 milioni nel 2013 a 37 nel 2014 (la diminuzione effettiva è di 2milioni: la differenza di 11 milioni è relativa al giroconto contabile della Tares che non appare più nel bilancio 2014), mentre quelle da trasferimenti statali sono scese da 17 milioni a 10 e quelle extra tributarie da 29 a 23 milioni. Dunque le entrate disponibili per finanziare le spese correnti sono scese da 97 milioni (86, dedotta la tares) a 71. Oltre alla riduzione delle entrate vi è anche una modifica nella composizione: a causa della diminuzione dei trasferimenti statali (che passano dal 21 al 14 per cento rispetto al totale delle entrate), l’amministrazione ha parzialmente compensato questo mancato introito con un intervento sulle entrate tributarie che passano dal 45 al 52 per cento rispetto al totale.

“Il solo taglio dei trasferimenti statali pesa per sette milioni, mentre altri due se ne vanno dal settore tributario. A fronte di questi numeri i cittadini di Treviso comprenderanno ancora meglio le motivazioni che hanno portato il sindaco Manildo a sostenere, insieme agli altri sindaci dei capoluoghi veneti,  la richiesta di una maggiore, se non completa autonomia finanziaria “, dichiara l’assessore al bilancio Alessandra Gazzola.

Sul fronte delle entrate destinate a finanziare gli investimenti le disponibilità dell’ente sono passate dai 9 milioni del 2013 ai 14 milioni del 2014: “Ma ciò non significa che il Comune  potrà utilizzare a pieno tali risorse – prosegue Gazzola - Il patto di stabilità pone un vincolo molto stringente alle possibilità di utilizzare i fondi disponibili”. In base ai conteggi attuali solo la metà di tale somma potrà essere investita nel rispetto del patto. “Nonostante le risorse limitate la giunta, in linea con il programma di mandato, è riuscita a destinare una percentuale maggiore delle risorse al settore sociale, scuola e sport (dal 20 al 22 per cento delle risorse) e all settore turismo e cultura (dal 6 al 10)”, chiude Gazzola.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, l'imprenditore Amir Vettorello muore a 46 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento