rotate-mobile
Mercoledì, 8 Febbraio 2023
Cronaca Centro / Piazza Signori

Da Venezia a Treviso passando per Miami: Elisabetta Armellin torna a casa con le V°73

Le borse della trevigiana, che sfida Vuitton, sono richiestissime in tutto il Mondo e dopo aver aperto anche a Parigi ecco il suo secondo negozio monomarca in Italia

TREVISO Solare, comunicativa, grintosa e gentile. Lei è Elisabetta Armellin ed è nata a Treviso nel giugno del 1973 per poi laurearsi all’Accademia di Belle Arti a Venezia e dove nasce la passione per la moda e le borse, tanto che in poco tempo apre la sua linea V°73 che sono nel 2014 ha venduto oltre 45mila pezzi. In questi giorni però, dopo Miami, Parigi e Venezia, la trevigiana apre il suo secondo negozio monomarca in Italia e sceglie di tornare a casa, a Treviso. La boutique V°73 aprirà infatti al pubblico venerdì 18 marzo in Piazza dei Signori, mentre alte tre aperture in Europa sono attese entro il 2017.

Una scelta dettata dal cuore, che porta V°73 ad affacciarsi nella storica e amata piazza al numero 17. Un nuovo concept store, ideato da Elisabetta Armellin in collaborazione con l’interior designer Fabio Cardin, che rispecchia la filosofia del marchio che sceglie il lusso semplice e contemporaneo. I colori, le atmosfere e la tradizione artigianale della città di Venezia ispirano il progetto dello spazio, che si veste della preziosità dei metalli nei toni caldi dell’oro e del bronzo. Una libreria a tutta altezza, in metallo satinato ed anodizzato color oro, racchiude completamente il perimetro, diventando, con le sue cassettiere in noce Canaletto, il perfetto spazio espositivo per le collezioni di accessori. La sapienza artigianale veneziana poi è presente nel baule rivestito in pelle color testa di moro, borchiato e cucito a mano, che contiene la cassa e nella maniglia della porta d’ingresso, tornita a mano con il fiore del rosone di Palazzo Ducale, simbolo del brand.

Per illuminare l’ambiente, caratterizzato dal soffitto con importanti stucchi in gesso, sono state scelte le sfere GLO PentaLight disegnate dall’arch. Carlo Colombo che, con i loro cromatismi oro e bronzo, danno vita ad un atmosfera ovattata e magica. Anche se la maggior parte del marketing aziendale avviene sui social network come Facebook, Twitter ed Instragram, proprio perchè le sue clienti spesso sono delle “digital customer" amanti di e-commerce. L'azienda è poi una realtà che fattura 4milioni l’anno e ha una percentuale di crescita costante del 15% su ogni collezione distribuita anche in 450 multibrand nel Mondo. “V°73 racconta la mia storia e le mie passioni, per questo motivo dopo aver aperto a Venezia, la città che con la sua magia mi ha ispirata, ho deciso di aprire nella mia Treviso, la città dove sono nata e che mi accoglie ancora oggi, ricaricandomi e rendendo possibile progettare sempre nuovi obiettivi” ha dichiarato Elisabetta Armellin al bog di Venicelovetreviso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Venezia a Treviso passando per Miami: Elisabetta Armellin torna a casa con le V°73

TrevisoToday è in caricamento