rotate-mobile
Cronaca

Spaccio a scuola e nei locali, arrestati quattro giovani di Vidali

Erano amici di Marco Vidali, il 21enne annegato nel Sile a maggio. Sono finiti in manette quattro ragazzi segnalati dai compagni di scuola

Spacciavano marijuana, mdma ed eroina all’interno della scuola e nei locali di tendenza frequentati dai giovani trevigiani, per questo sono finiti in manette quattro ragazzi dopo la segnalazione di due compagni di scuola alla Questura. Sono accusati di spaccio e detenzione di stupefacenti in concorso, con l’aggravante dello spaccio ai minori, S.S. croato ma residente a Frescada da molto tempo, M.V., di Dosson, M.N. di Fiera e un bellunese residente a Terni, che per passione faceva il dj all’interno di un locale notturno di Mogliano Veneto, S.B, tutti di età compresa tra i 20 e i 30 anni.

A scatenare i sospetti agli agenti della squadra mobile della Questura di Treviso proprio la segnalazione di due compagni di scuola, stanchi del continuo giro di droga, che avrebbero riferito anche di una ragazza minorenne, poi denunciata a piede libero, avente il ruolo di mettere in contatto gli acquirenti con i pusher. Dei quattro giovani finiti nel mirino degli agenti, due erano stati arrestati i primi di giugno.

Le indagini e le intercettazioni telefoniche hanno consentito di accertare che i giovani pusher fossero molto amici di Marco Vidali (VEDI), il 21enne che lo scorso maggio è morto annegato nel Sile dopo una serata a base di droga. Due di loro, M.V e M.N., sono stati arrestati in flagranza di reato in centro storico a Treviso. Erano soliti vendere gli stupefacenti proprio al di fuori del supermercato del padre di uno di loro. 

Gallery

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spaccio a scuola e nei locali, arrestati quattro giovani di Vidali

TrevisoToday è in caricamento