rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca San Giuseppe / Via Noalese, 63

Fermato all'aeroporto con 90 ovuli di hashish nello stomaco

Arrestato dalla Guardia di Finanza al "Canova" di Treviso un corriere della droga che operava tra Italia e Spagna. Nello stomaco aveva 90 ovuli di hashish

Operava come corriere della droga tra l'Italia e la Spagna il trentacinquenne fermato dalla Guardia di Finanza all'aeroporto "A. Canova" di Treviso.

La mattina del 12 marzo scorso l'uomo è atterrato a Treviso con un volo proveniente da Siviglia. Ad attenderlo gli uomini delle Fiamme Gialle e i funzionari dell'Agenzia della Dogane, impegnati a monitorare la tratta, considerata particolarmente a rischio per quanto riguarda il traffico di stupefacenti.

In un primo momento il trentacinquenne ha dichiarato ai militari di essere stato in Spagna per un viaggio di piacere. E tuttavia non è stato in grado di indicare dove fosse stato di preciso, insospettendo i finanzieri.

Di fronte alle domande pressanti dei militari e ai controlli di routine, l'uomo ha cominciato a dare segni di nervosismo e per lui sono scattati gli accertamenti sanitari presso l'ospedale di Treviso.

I sospetti dei finanzieri erano fondati: nello stomaco l'uomo aveva ben 90 ovuli, contenenti hashish per un peso complessivo di 950 grammi. Ci sono voluti quattro giorni per consentire al corriere di evacuare il prezioso carico, al termine dei quali per lui sono scattate le manette per traffico internazionale di sostanze stupefacenti.

Le indagini sono però ancora in corso, per stabilire quale fosse la destinazione finale della droga.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fermato all'aeroporto con 90 ovuli di hashish nello stomaco

TrevisoToday è in caricamento