rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca

Manda in bancarotta cinque imprese edili: arrestato dalla finanza

L'indagato è accusato di aver svuotato e fatto fallire cinque ditte, delle quali era amministratore, e di non averne dichiarato gli adempimenti fiscali

Faceva fallire le imprese che amministrava, svuotandole ed omettendo di dichiararne gli adempimenti fiscali. Per questo un 66enne originario di Sant'Ilario dello Ionio (RC) è stato arrestato dalla guardia di finanza di Treviso.

All'uomo, raggiunto dal provvedimento restrittivo nel suo paese natale con la collaborazione delle fiamme gialle di Locri, sarebbero riconducibili cinque società, con sede a Ponte di Piave tutte cessate e dichiarate fallite dal tribunale di Treviso negli ultimi tre anni.

L'indagato avrebbe ripulito sistematicamente le imprese delle quali era amministratore e non avrebbe versato i contributi previdenziali ed assistenziali dei dipendenti. Contabilità e registri sarebbero stati inoltre con un quaderno, sul quale l'amministratore annotava in dettaglio i movimenti finanziari e commerciali delle società, che impiegavano manovali esteri muniti solamente di cazzuole e badili.

Le risorse finanziarie e il patrimonio sociale delle imprese sarebbero quindi stati sperperati dal 66enne, a danno dei creditori, per oltre quattro milioni di euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manda in bancarotta cinque imprese edili: arrestato dalla finanza

TrevisoToday è in caricamento