menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le due armi sequestrate

Le due armi sequestrate

In casa con armi e droga di vario tipo: in due finiscono in manette

Hashish, cocaina, marijuana, carabine e coltelli a serramanico: questo quanto trovato dalle volanti a casa dei due fidanzati malviventi

Nella mattinata di venerdì, personale della Squadra Mobile e dell’U.P.G. e S.P della Questura di Treviso ha arrestato in flagranza di reato due pregiudicati per il reato di detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente. Alle ore 9, infatti, una volante della polizia lungo la SS 13 Pontebbana ha notato due uomini a bordo di un suv che apparivano alquanto agitati. Una volta fermati, al successivo controllo è emerso che erano in possesso di numerosi oggetti utili per il confezionamento e lo smercio al dettaglio di sostanza stupefacente, oltre che vari coltelli a serramanico di varie dimensioni.

Pertanto, gli agenti hanno poi proceduto a perquisire anche il veicolo ed il domicilio dei due fermati, ossia C.D. e Z.O. entrambi trentenni residenti in provincia di Treviso e già noti alle forze di polizia in quanto pluripregiudicati per reati inerenti lo spaccio di sostanze stupefacenti. A seguito del controllo presso l’abitazione di Z.O. è stata rinvenuta diversa sostanza stupefacente tra cui hashish, cocaina ed altre droghe sintetiche, ragion per cui lo stesso è stato deferito in stato di libertà all’Autorità giudiziaria.

Successivamente, la perquisizione domiciliare eseguita nell’abitazione di C.D., dove vive anche la fidanzata M.C.F., ha permesso agli agenti della Questura di rinvenire una coltivazione di marijuana consistente in ben 67 piantine a vari stadi di maturazione, oltre a 400 grammi di infiorescenze già essiccate e pronte per lo smercio al dettaglio. Nonostante le resistenze alla perquisizione opposte dalla donna, la quale ha anche aizzato contro gli operatori due rottweiler, la polizia è riuscita comunque ad accedere all’interno dell’immobile impedendo all’indagata di disfarsi della sostanza stupefacente e senza nuocere ai due cani, relegati in bagno per il tempo necessario allo svolgimento delle attività.

Nel garage dell’abitazione sono state così rinvenute anche due carabine ad aria compressa, catalogate come armi da sparo, custodite illegalmente e senza la prevista autorizzazione da parte dell’Autorità competente e che pertanto sono state poste sotto sequestro come anche la sostanza stupefacente rinvenuta, le strumentazioni necessarie alla coltivazione, allo stoccaggio e allo spaccio della medesima e persino 1.100 euro in contanti riconducibili all’attività di spaccio. Alla luce di quanto scoperto, M.C.F. e C.D. sono stati arrestati in flagranza di reato in concorso tra loro, mentre M.C.F. anche per aver aizzato i suoi cani contro gli agenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
blog

Il papà più bello d'Italia? Ha 34 anni, è trevigiano ed è gay

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento