rotate-mobile
Cronaca Monastier di Treviso

Arrestati due giovani pusher trevigiani che sognavano l'Australia

Manette ai polsi, la notte scorsa, a due spacciatori di 19 e 20 anni. Trovati in possesso di un etto di marijuana, bilancino e 515 euro in contanti. Si sono giustificati: "Servono soldi per un viaggio"

Mettevano via il denaro per raggiungere la meta tanto sognata: l'Australia. Il lavoro di operai infatti non bastava per pagarsi il costoso biglietto per arrivare dall'altra parte del mondo. Arrestati dai carabinieri, la notte scorsa, due giovani che si sono giustificati dicendo che si dedicavano da poco all'attività di pusher.

Si tratta di due operai incensurati di 19 e 20 anni, M. Z. e M. R., di Monastier, fermati durante un normale controllo sulle strade a bordo di una Golf. Sono stati trovati in possesso 5 involucri di marijuana e la somma di 515 euro in contanti. La perquisizione è poi proseguita nel vicino casolare, in uso ad uno dei due, dove sono trovati altri involucri di droga per un peso totale di un etto, un bilancino di precisione e un "grinder" per sminuzzare l'erba. I due sono stati portati nel carcere di Santa Bona con l'accusa di spaccio di stupefacenti.

Ampio il giro di clienti, tutti giovanissimi: Roncade, San Biagio, Monastier, e Treviso. Proseguono intanto le indagini dei carabinieri per scoprire chi li riforniva di droga.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrestati due giovani pusher trevigiani che sognavano l'Australia

TrevisoToday è in caricamento