Danneggiano un autobus e poi picchiano i poliziotti: arrestati un 50enne ed una 43enne

E' successo martedì notte in centro città. I due, accusati di resistenza a pubblico ufficiale e rifiuto di indicazioni sulla propria identità personale, non erano nuovi ad episodi simili

Un momento dei controlli

Nel corso della settimana, a seguito dell'intensificazione dei controlli disposta dalla Questura di Treviso in occasione delle festività natalizie, anche con l'ausilio del Reparto Prevenzione Crimine e dell'Unità Cinofila antidroga di Padova, sono stati eseguiti 3 arresti e sono state denunciate 13 persone all'Autorità Giudiziaria. Tra questi soggetti, inoltre, sono stati avviati 4 procedimenti istruttori per l'adozione di altrettante misure di prevenzione da parte della Divisione Anticrimine di Treviso. L'attività di polizia si è svolta principalmente tra Treviso, Conegliano, Montebelluna e Oderzo, oltre che nei comuni limitrofi, identificando circa 600 persone e controllando 3.300 veicoli.

Nello specifico, nella nottata di martedì (verso l'una di notte), un cittadino ha segnalato due soggetti che, visibilmente in preda ai fumi dell'alcol, stavano danneggiando un autobus in sosta in Lungo Sile Mattei. Alla vista dei poliziotti i due si sono nascosti all'interno del bus, provando a barricarsi all'interno, ma dopo pochi minuti gli agenti sono riusciti ad aprire le porte e a portar all'esterno i due "malviventi" che, nonostante i tentativi di riportare la situazione alla calma, si sono lanciati sugli agenti stessi aggredendoli con calci e pugni. Portati quindi in Questura per accertamenti, si è scoperto che i due non erano nuovi a comportamenti simili e per questo sono stati arrestati con l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale e rifiuto di indicazioni sulla propria identità personale. I due sono poi comunque stati identificati come S.G., donna 43enne di Conegliano, e P.P., 50enne di origini vicentine.

Inoltre, sempre nell'ambito dei controlli sul territorio, venerdì è stato effettuato un servizio ad "alto impatto" nel centro storico di Treviso e a Villorba, anche con l'ausilio dei cani antidroga e di 15 uomini del Reparto Prevenzione Crimine e della Polizia Scientifica di Treviso. Sono così state controllate, con esito fortunatamente negativo, decine di ragazzi stazionanti nei pressi della stazione ferroviaria e di quella delle corriere. I poliziotti, infine, hanno anche risposto a numerose domande effettuate dai giovani sui rischi sanitari e penali derivanti dall'assunzione di sostanze stupefacenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

polizia-26

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nelle acque del Sile, fugge in treno e lo ritrovano a Bassano

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

  • Male incurabile, il sorriso di mamma Liliana si spegne a 47 anni

  • Tragico schianto col furgone nella notte: 62enne muore a pochi metri da casa

  • Distributore di bevande trovato morto nel suo camion

  • Malore fatale, operaio trovato morto in casa a 42 anni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento