Cronaca

La "Art in grappa" di Bottega al Museo delle Arti Contemporanee di Hiroshima

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Bottega spa porta la collezione "Art in grappa" al Museum of Contemporary Art di Hiroschima e in altre sedi della città nipponica che tutti ricordano per essere stata la città che, il 25 agosto del 1945, venne colpita dalla prima bomba atomica, una deflagrazione che n un secondo distruss ogni cosa e causò oltre centomila morti. E' stato il sindaco di Hiroshima, Kazumi Matsui, a chiedere a Sandro Bottega, titolare dell'azienda trevigiana, di ospitare la collezione sorpreso dalla confezione che lo stesso industriale gli ha donato (una bottiglia di grappa con all'interno una colomba bianca, sempre in vetro) per ricordare la pace. Art in Grappa è una esposizione artistica nata dall'incontro della grappa con le bottiglie in vetro soffiato disegnate da Sandro Bottega che ha trovato in Venezia la sua primaria fonte di ispirazione. La mostra, che ha potuto fregiarsi del patrocinio dell'Istituto Italiano di cultura, è stata allestita nelle sedi di rappresentanza dello stesso istituto di New York, Montreal, Colonia, Barcellona e Madrid.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La "Art in grappa" di Bottega al Museo delle Arti Contemporanee di Hiroshima

TrevisoToday è in caricamento