Assalto al bancomat nella notte: la polizia insegue i ladri, ma loro riescono a scappare

L'episodio nella notte tra venerdì e sabato ai danni dello sportello Allianz Bank in viale della Repubblica. I malviventi hanno poi fatto perdere le loro tracce nel quartiere di San Paolo

I danni provocati dall'esplosione

Una forte esplosione, qualche minuto di silenzio e poi le sirene della polizia tra i quartieri di Santa Bona, San Liberale e San Paolo. Questo quanto diversi trevigiani hanno sentito nella notte tra venerdì e sabato dopo che un gruppo di malviventi, con il viso travisato e armati con due fucili tipo "kalashnikov", verso le ore 4.50 ha fatto esplodere con una "marmotta" il bancomat dell'Allianz Bank di viale della Repubblica a Treviso. Un colpo studiato nei minimi dettagli e durato pochi istanti, tanto che i cinque uomini in azione sono poi fuggiti con una Audi RS3 avente però una targa di un caravan. In pochissimo tempo, però, dopo l'intervento sul posto dei carabinieri, il manipolo di ladri è stato intercettato in zona da una volante della polizia stradale che si è subito messa all'inseguimento, perdendo però le tracce dell'Audi nei pressi dell'area di San Paolo. La Squadra Mobile sta ora indagando sull'accaduto, visionando anche le immagini delle telecamere di sicurezza, ma al momento non è ancora conosciuto l'esito del bottino asportato dai ladri, anche se potrebbe essere di decine di migliaia di euro, mentre i danni subiti dall'istituto bancario sono in fase di quantificazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata cadavere Rosanna Sapori, giornalista «scomoda» del Nordest

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Detrazioni fiscali: tracciabilità obbligatoria per le spese del 2020

  • Diabete e retinopatia, il prof. Bandello: "Siamo all'avanguardia, ma ancora pochi screening"

  • Chiudono "Rosa e Baffo" e pub "Rosa": piazza di Bonisiolo deserta

  • Attacco cardiaco porta via alla vita Maria Fernanda, giovane mamma 31enne

Torna su
TrevisoToday è in caricamento