rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca

Assistenza domiciliare, al via il progetto “Home Care Premium 2012”

Attivato nell'Ulss 8, in collaborazione con Inpdap e l'associazione GAP un progetto a sostegno dell'assistenza domiciliare

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

E’ diventato operativo il progetto “Home Care Premium 2012”, un ulteriore strumento d’eccellenza messo a disposizione dall’ULSS n. 8 a sostegno delle situazioni domiciliari di non autosufficienza.

Nello specifico l’INPS ha elaborato il Progetto denominato Home Care Premium volto alla realizzazione su tutto il territorio nazionale di progetti innovativi e sperimentali di assistenza domiciliare a favore di persone di qualsiasi età (bambini e adulti disabili, anziani non autosufficienti), a condizione che siano in carico alla gestione ex-INPDAP (cioè dipendenti pubblici o pensionati pubblici e loro familiari a carico).

Per realizzare il progetto l’Istituto ha stipulato un accordo di programma con l’Ulss 8, a ciò delegata dalla Conferenza dei Sindaci e individuata quale Ente capofila.

E’ così che anche le persone residenti nei 30 comuni appartenenti all’Ulss 8 potranno avvalersi di un efficace ed ulteriore aiuto per la domiciliarità. Il progetto offre la possibilità per le persone appartenenti alla categoria dei dipendenti pubblici o ex, i loro coniugi conviventi, i loro familiari di primo grado di ottenere aiuti economici e/o prestazioni socio-assistenziali a sostegno della non autosufficienza in un'ottica anche di prevenzione.

IN COSA CONSISTE - Nello specifico, il progetto prevede l'erogazione di assistenza per reperire badanti adeguate e capaci e per regolarizzarle, di contributi alle famiglie per coprire i costi della badante (pagati direttamente dall’Inpdap ai beneficiari) e di altre prestazioni di supporto alla persona disabile o non autosufficiente.

PARTNER - Partner dell’Ulss 8 per l’esecuzione del progetto è la cooperativa sociale G.A.P. s.c.s onlus che da anni si occupa nel territorio di assistenza domiciliare collaborando con le Istituzioni. La cooperativa, inoltre, nel mantenere fede al proprio modo di intendere “qualità del servizio domiciliare e rispetto della persona” si avvarrà delle risorse del territorio e appartenenti al terzo settore in un’ottica di ricerca della migliore collaborazione.

PRESENTAZIONE DOMANDE e SCADENZA - Le domande, da presentare cooperativa GAP o direttamente all’Inpdap tramite il sito dell’Inpdap o patronati sindacali, devono essere presentate entro il 30 settembre 2013. Inoltre il richiedente deve presentare a un CAF l'attestazione ISEE, che l’Inps gestione ex Inpdap provvederà ad acquisire direttamente dalla banca dati dello stesso Inps.

EROGAZIONE - Le prestazioni verranno erogate – su decisione dell'Inpdap sulla base criteri certi (gravità del bisogno, livello ISEE) - a conclusione di un iter di verifica delle condizioni di ammissibilità e di valutazione concreta del bisogno attraverso una visita domiciliare da parte di un’assistente sociale incaricata appositamente dalla coop. GAP.

Personale addetto raccoglierà le richieste ed elaborerà, unitamente alla famiglia, un piano assistenziale il più possibile vicino alle esigenze. Non solo, una volta attivate le prestazioni e durante tutto l’arco temporale di erogazione delle stesse – un anno – sarà mantenuta una costante supervisione.

INFORMAZIONI - Per Informazioni sono già attivi i seguenti riferimenti: n. 348 7910098 - homec@gaponlus.it

A breve verranno attivati ulteriori riferimenti nei siti dell’ULSS n. 8 e della cooperativa G.A.P. s.c.s onlus

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assistenza domiciliare, al via il progetto “Home Care Premium 2012”

TrevisoToday è in caricamento