menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La struttura

La struttura

Terminata l'asta per Cà della Robinia: se la aggiudica una società

La struttura dell'ex Disco Palace a Nervesa, nota per essere stata a lungo legata alla figura di Remo Sernagiotto, è stata acquistata al prezzo di 360 mila euro

Ben 360 mila euro per l'acquisto definitivo della struttura di Ca' della Robinia di Nervesa della Battaglia. Gli spazi dell’ex Ristorante Lago Turchino e dell’ex Disco Palace, abbandonati da oltre 10 anni, nella mattinata di giovedì sono difatti stati aggiudicati all'asta da una società privata che ha battuto la concorrenza di altre sei offerte. In realtà, però, questo acquisto è solo "temporaneo" visto che ci saranno ulteriori 10 giorni per aumentare l'offerta, ma visto che il prezzo di partenza era di 260 mila euro è difficile che ci possa ora essere un ulteriore aumento. Se così fosse, vorrebbe dire che l'intera area potrà ora vedere un nuovo futuro dopo le note vicende giudiziarie che si sono susseguite in questi anni. Nel 2011, infatti, grazie alla mediazione di Remo Sernagiotto, la cooperativa sociale Ca’ della Robinia aveva ottenuto 3,1 milioni di euro di finanziamenti dall’assessorato regionale alle Politiche sociali per realizzare una fattoria didattica e centro disabili, opera mai però andata a buon fine. Ora però, dopo anni di abbandono totale, forse ci sarà un nuovo inizio.

Il commento del sindaco di Montebelluna

Interviene il vicesindaco reggente di Montebelluna, Elzo Severin, in seguito all’esito dell’asta per la vendita del complesso di Nervesa della Battaglia: “Sono amareggiato per l’esito, seppure provvisorio, dell’asta per la destinazione dell’area che un tempo ospitava il progetto Ca’ Robinia a Nervesa della Battaglia. E’ un vero peccato che ad essersi aggiudicato l’asta sia una società privata che, ovviamente, trasformerà l’area in qualcosa di commerciale o residenziale destinata al profitto. Sono deluso che un privato abbia voluto a tutti i costi prevalere su un consorzio di Comuni che si erano prodigati per un obiettivo che avrebbe favorito ed aiutato persone disabili e famiglie”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento