Cronaca Vedelago / Via Cal del Monte

Sospensione dell'acqua a Fanzolo, Ats: «Pronti a denunciare»

Martedì 17 agosto Alto Trevigiano Servizi denuncerà ai carabinieri di Riese Pio X i titolari dov'è stato scoperto l'allacciamento abusivo dell'acquedotto, probabile causa dell'intorbidimento dell'acqua

Martedì 17 agosto Alto Trevigiano Servizi presenterà denuncia formale ai carabinieri di Riese Pio X contro i titolari dell'utenza dove, a seguito di controlli avvenuti a inizio agosto, i tecnici dell’azienda di servizio idrico avevano constato il collegamento abusivo tra la condotta di allacciamento dell’acquedotto pubblico e quella di irrigazione agricola. Con tutta probabilità, è stata proprio questa interconnessione delle reti ad aver causato quanto accaduto in via Cal Del Monte, Monte Bianco e Artesini a Fanzolo di Vedelago, ossia l’intorbidamento dell’acqua segnalato dai cittadini e la rilevazione da parte dell’Ulss della presenza di Escherichia Coli e batteri coliformi, con conseguente interruzione del servizio di erogazione dell'acqua potabile.

«Le manomissioni del contatore, come pure i bypass o le interconnessioni con altre reti e fonti diverse dalla rete acquedottistica sono assolutamente vietati e prevedono pesanti sanzioni da parte dei consorzi di bonifica e dei gestori del servizio idrico integrato – spiega il direttore di Ats, Roberto Durigon - Martedì procederemo con la denuncia nei confronti dell’utenza privata per i reati che saranno ravvisabili da parte della magistratura». L'azienda ha deciso anche di incrementare in quella zona le operazioni di messa in suolo pubblico dei contatori dell’acqua, così da poter procedere con maggiore facilità al controllo della loro regolarità (l’azienda, infatti, non ha potere di effettuare le verifiche sui contatori posti in aree private come, ad esempio, i giardini). Operazione che, in futuro, sarà estesa progressivamente anche ad altre aree dei 52 comuni soci ritenute particolarmente sensibili.

«La verifica che il proprio impianto idraulico domestico non presenti queste interconnessioni è fondamentale per la salute di tutti - continua Durigon - La commistione fra fonti implica una complessa interazione di tipo tecnico/idraulica in cui entrano in gioco fattori come i livelli di pressione delle due diverse linee e quindi il conseguente flusso a intermittenza dell’acqua nelle condutture. Diventa quindi difficoltoso individuarne l’esistenza, soprattutto, come nel caso di Fanzolo, dove l’intorbidamento dell’acqua si è verificato in parte in concomitanza con i lavori di manutenzione della rete idrica ad Altivole. Infine, la rete di irrigazione agricola non è aperta tutto l’anno: viene azionata in primavera e viene chiusa quando l’esigenza di irrigazione viene meno. E, anche in questo frangente, le condotte non sono sempre in funzione».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sospensione dell'acqua a Fanzolo, Ats: «Pronti a denunciare»

TrevisoToday è in caricamento