menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sanità in Veneto: Assessore Coletto: " Non esentare dai sacrifici le regioni autonome"

"Se i sacrifici vanno fatti sui fondi nazionali per la sanità, questi devono essere per tutti, senza alcuna neutralizzazione, devono basarsi esclusivamente sui costi standard" afferma l'assessore della Regione

TREVISO “Credo si tratti di semplice buon senso: se i sacrifici vanno fatti sui fondi nazionali per la sanità, questi devono essere per tutti, senza alcuna neutralizzazione, devono basarsi esclusivamente sui costi standard e devono rispettare l’articolo 32 della costituzione che sancisce l’universalità delle cure in questo Paese”.

Lo dice l’sssessore alla sanità della Regione del Veneto Luca Coletto, dove a Roma, alla conferenza dei presidenti delle Regioni, si discute tra l’altro dei fondi per la sanità nel triennio 2016-2018. “L’opposizione delle regioni e province a statuto speciale a farsi carico della loro parte in funzione della loro specialità – dice l’esponente di Palazzo Balbi – è un problema, perché, qualora passasse, andrebbe anche a incidere sull’equità dell’erogazione dei livelli essenziali di assistenza, qualora in buona parte d’Italia si dovessero sopportare tagli e in altre no”.

“Sia ben chiaro – conclude l’assessore veneto – che ciò non significa in alcun modo togliere qualcosa di dovuto alle specialità, ma rendere equa la gestione sanitaria in tutto il Paese. Se no, diano al Veneto l’Autonomia per la quale il nostro Presidente ha avviato le procedure costituzionali il 17 marzo e il Veneto saprà arrangiarsi senza chiedere niente a nessuno utilizzando i circa 20 miliardi di residuo fiscale attivo che ogni anno lasciamo a Roma”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Il peso cambia da un giorno all'altro, perchè?

Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento