Malata ma non trasferita in ospedale, undicesima autopsia a Casa Fenzi

Antonietta Dal Mas aveva 88 anni ed era stata sottoposta a due distinti tamponi diagnostici, uno risultato positivo e il secondo negativo. Malgrado soffrisse di una polmonite non è stata trasportata al pronto soccorso

Perché Antonietta Dal Mas non è stata ricoverata in ospedale malgrado avesse i sintomi del Covid 19? Questa è la domanda a cui si cercherà una risposta tramite l'autopsia, che verrà effettuata a Padova dal medico legale Antonello Cirnelli. La Dal Mas è l'undicesimo morto per sospetto Corona Virus di Casa Fenzi, la casa di risposo coneglianese divenuta un focolaio durante l'epidemia. Gli altri sono Pasquale Galasso, Andrea Zanette di 88 anni e Giuseppe Forner di 92 anni, Gianantonio Baccin 93 anni, Liliana Girardi Nori 95 anni, Vincenzo Sapia 70 anni, Livia Moretti 98 anni, Elisa Di Gino Dolfo 92 anni, Maria Bergo 91 anni e Angelo Fantucchio,  54enne di origine siciliana.

Alla donna, che aveva 88 anni, era stata sottoposta a due distinti tamponi diagnostici, uno risultato positivo e il secondo negativo. Ma è il decorso clinico della Dal Mas, che aveva tutti i sintomi del Covid, su cui gli inquirenti vogliono fare luce. L'anziana è morta domenica 14 giugno e malgrado soffrisse di una polmonite non è stata trasportata in ospedale. Gli investigatori vogliono capire il perché e per questo è stato disposto il post mortem.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da tutti gli esami disposti fino ad ora la Procura intende inoltre chiarire sul come la casa di riposo abbia ottemperato da un lato alle disposizioni della Regione Veneto dall'altro a quelle dell'autorità sanitarie. Sul punto è stato presentato un esposto da parte della Ulss 2, accusata dai dirigenti di Casa Fenzi di aver fornito in ritardo i dispositivi di sicurezza, guanti e soprattutto le mascherine. Oltre 33 ospiti della Rsa sono morti di Corona Virus e l'infezione ha raggiunto il 68% per cento dei degenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion con mucche e tori si rovescia, caos sulla bretella

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Covid-19, in quarantena una classe del Leonardo da Vinci e una della materna di Cimadolmo

  • Eletto "il Babbo più Bello d'Italia 2020", premiato anche un papà trevigiano

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

  • Diocesi di Treviso, nominati i nuovi sacerdoti della provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento